Federconsumatori. Terrorismo: indicazioni della Farnesina per i viaggiatori diretti in Germania, Giordania e Turchia

Federconsumatori. Terrorismo: indicazioni della Farnesina per i viaggiatori diretti in Germania, Giordania e Turchia

In merito ai drammatici attentati terroristici verificatisi in questi giorni in alcuni Paesi europei ed extraeuropei, il Ministero degli Esteri ha diffuso alcune raccomandazioni dirette ai connazionali presenti nelle zone coinvolte. Per quanto riguarda l’episodio di Berlino, dove nella serata di ieri un camion ha travolto un mercatino natalizio, la Farnesina raccomanda agli italiani presenti nella capitale tedesca di agire con prudenza, di evitare la zona interessata, di tenersi informati tramite i media sugli sviluppi della situazione e di seguire le indicazioni delle autorità locali.

Mentre, relativamente all’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara, ricordiamo che in tutta la Turchia si susseguono ormai da tempo attentati terroristici di diversa matrice e attualmente è in vigore lo stato di emergenza. Si raccomanda quindi di adottare la massima cautela (in particolare nei luoghi di attrazione turistica), limitando gli spostamenti, evitando manifestazioni, celebrazioni ed assembramenti, installazioni militari e delle forze dell’ordine, luoghi ad elevata frequentazione, luoghi di culto ed associazioni e fondazioni a carattere religioso, nonché la rete metropolitana e dei trasporti pubblici, in particolare nei centri urbani, dove non può essere escluso il rischio di ulteriori attentati.

Indicazioni analoghe sono valide per la Giordania dopo l’attentato ad Al Karak. Si raccomanda di adottare adeguate misure di cautela, evitando gli assembramenti in aree sensibili (soprattutto nelle località turistiche e nella capitale Amman) e prestando particolare attenzione nei luoghi ad alta frequentazione di stranieri. E’ inoltre opportuno tenersi costantemente aggiornati sulla situazione di sicurezza nel Paese attraverso i media locali ed internazionali.

Invitiamo chiunque stia per recarsi nei Paesi coinvolti a consultare il sito www.viaggiaresicuri.it e a contattare il proprio tour operator o comunque i singoli fornitori di servizi turistici per verificare eventuali opzioni e alternative disponibili. Sottolineiamo tuttavia che per nessuna delle tre località è stato emesso lo sconsiglio, in mancanza del quale non è possibile far valere il diritto di restituzione di eventuali somme già corrisposte senza penali: qualora si decida di non partire, di rientrare in anticipo o di cambiare destinazione occorre quindi considerare le condizioni contrattuali.

Per ulteriori informazioni potete contattare lo Sportello SOS Turista, telefonando al numero 059.251108.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.