Roma Capitale, tutti contro tutti. L’assessore Muraro querela Renzi, ma rischia di perdere la poltrona. La sindaca Raggi recupera fondi per il sociale

Roma Capitale, tutti contro tutti. L’assessore Muraro querela Renzi, ma rischia di perdere la poltrona. La sindaca Raggi recupera fondi per il sociale
Il leader del M5s, Beppe Grillo, è a Roma e non sarebbe in visita di cortesia alla città. Probabilmente, tenendo fede alla promessa di incarnare il leader unico del suo Movimento, nella capitale sarà chiamato a risolvere il problema numero uno, ovvero quello legato all’esperienza amministrativa della sindaca Raggi, sottoposta in queste ore ad una serie infinita di sollecitazioni mediatiche, alcune giustificate, altre decisamente meno. Insieme a Grillo arriverà a Roma anche Davide Casaleggio ed i due incontreranno, con ogni probabilità, il cosiddetto Direttorio. Insieme ai nodi legati all’amministrazione di Roma Capitale, anche quelli scatenati da Federico Pizzarotti. Il sindaco di Parma si è smarcato dal suo ormai ex Movimento, per navigare libero. Ma torniamo a Roma, dove iniziano a volare le carte bollate e volano talmente in alto che nelle prossime ore arriveranno anche sulla scrivania del presidente del Consiglio Matteo Renzi.
 
L’assessore Muraro denuncia Renzi per diffamazione, ma il suo incarico è ormai appeso ad un filo
 
L’assessore Muraro, che deve far fronte ad alcune inchieste giudiziarie, ha denunciato il premier per diffamazione. Avrebbe fatto in un discorso pubblico “indebiti accostamenti con l’inchiesta di Mafia Capitale”. Ed è di queste ore la presentazione di un esposto da parte del suo legale che poi puntualizza, anche rispetto ad altre grane che vedono coinvolta l’assessore all’Ambiente: “La mia assistita si è posta da tempo a disposizione degli inquirenti, ma speculare sulla sua vita privata o rappresentare fatti non veri è solo indice a nostro parere di una azione diffamatoria”. Per la Muraro, però, la graticola non è solo quella scatenata dal presidente del Consiglio e da alcuni organi d’informazione ma anche dal fuoco amico del M5S e la discesa a Roma di Grillo potrebbe anche essere decisiva per il suo futuro nell’Amministrazione di Roma Capitale.
 
Un rimpasto di giunta potrebbe accrescere il peso dell’assessore alle Partecipate
 
Indiscrezioni vorrebbero che il neo assessore alle Partecipate Colomban, possa assumere anche l’interim dell’Ambiente, che ha nella sua disponibilità, come partecipata, anche l’Ama, fonte di serie preoccupazioni per la Muraro. Si tratterebbe dell’ennesimo giro di poltrona, ma decisamente inevitabile, visti i malumori della base e di una parte consistente dei vertici e dei consiglieri pentastellati ‘domiciliati’ in Campidoglio. La svolta, avrebbe, secondo quanto scrive il Corriere della Sera nell’edizione romana, anche la disponibilità di almeno quattro assessori: Berdini (Urbanistica); Bergamo (Cultura); Baldassarre (Scuola); Marzano (Smart City) che sarebbero stanchi di vivacchiare ma vorrebbero un salto in avanti decisivo e nell’interesse della città. Ma per la Raggi, secondo una ‘frecciata’ del quotidiano la Stampa, si profilerebbe una  nuova grana, questa volta legata ai curricula e vedrebbe coinvolto il neo assessore al Bilancio Mazzillo che nel curriculum, letto ed approvato da sindaca e stretti collaboratori, avrebbe data per certa la sua specializzazione di Dottore commercialista. Per svolgere questa professione è però necessario essere iscritti all’Ordine. Il quotidiano torinese avrebbe spulciato gli elenchi e del dottor Mazzillo, non ci sarebbe alcuna traccia. Un errore? Probabilmente sì. Noi ci teniamo per buoni gli incarichi a Tor Vergata, non come professore, ma ricercatore e quello di dipendente in aspettativa di Equitalia.
 
La Raggi rilancia sul sociale. Trovate risorse da destinare ai Municipi per 9 milioni
 
In queste ore, intanto, è tornata a parlare la Raggi e lo ha fatto trattando un argomento cruciale per Roma: quello del Sociale. “La nostra attività di governo – ha detto la Raggi nel corso di una affollata conferenza stampa – in questo primissimo periodo è stata dedicata alla verifica puntuale dei conti di Roma Capitale che non sono in ordine. Abbiamo iniziato a cercare tutte quelle economie di Bilancio che potessero andare a sostenere i servizi che Roma deve erogare e che troppo spesso negli anni scorsi non è stata capace di supportare a causa di sprechi. Oggi – ha aggiunto – presentiamo una prima variazione importante al bilancio. Abbiamo trovato 9 milioni di euro che assegniamo all’assistenza sociale nei municipi. Da una verifica puntuale delle poste di bilancio abbiamo già individuato 11 milioni. Di questi 3,181 milioni andranno all’assistenza degli alunni disabili, mentre i restanti 6 all’assistenza sociale in generale (famiglie, case riposo ecc). Dal 6 ottobre prenderà il via il Sia (Sostegno per inclusione attiva) per il sostegno alle famiglie in condizione economiche disagiate”. Va detto che questo primo passo dell’Amministrazione era atteso soprattutto nei Municipi, dove, quanto all’Assistenza sociale si rischiava il collasso. Almeno su questo fronte è una buona notizia.
 
Share

Leave a Reply