F1. Grand Prix del Giappone a Suzuka. Rosberg domina su Verstappen e Hamilton. Poi le Ferrari di Vettel e Raikkonen

F1. Grand Prix del Giappone a Suzuka. Rosberg domina su Verstappen e Hamilton. Poi le Ferrari di Vettel e Raikkonen

Nico Rosberg trionfa nel Gp del Giappone e ipoteca il titolo. Il pilota tedesco della Mercedes domina sul circuito di Suzuka conquistando il successo che gli consente di volare a 313 punti e di consolidare il primato in classifica. Al traguardo, Rosberg precede la Red Bull dell’olandese Max Verstappen e la Mercedes del suo compagno di squadra, l’inglese Lewis Hamilton. Il detentore del titolo, con 280 punti, è staccato di 33 lunghezze dal leader iridato quando mancano solo 4 gare alla fine della stagione. La Mercedes, intanto, festeggia in anticipo il titolo Costruttori nell’ennesima giornata che riserva poche soddisfazioni alla Ferrari. Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, scattati dalla sesta e dall’ottava posizione in griglia rispettivamente per la penalizzazione in Malesia e per la sostituzione del cambio, rimangono giù dal podio chiudendo al quarto e al quinto posto. E per la Ferrari il secondo posto nel Mondiale costruttori si allontana ulteriormente: la Red Bull, infatti, rosicchia altri 4 punti alla Rossa grazie anche al sesto posto di Daniel Ricciardo e si porta a +50.

La gara inizia nel migliore dei modi per Rosberg, che mantiene la prima posizione al semaforo verde e dagli specchietti vede Hamilton scivolare dalla seconda all’ottava piazza dopo una pessima partenza. Alle spalle del leader iridato si portano Verstappen e Perez, ma il messicano deve cedere la posizione a Vettel già al terzo giro. La Ferrari, che aveva già sorpreso ieri in qualifica, si conferma veloce anche in gara. Il tedesco diventa una minaccia concreta anche per Verstappen, ma tutto cambia dopo il secondo pit-stop. Vettel rientra ai box un giro dopo Hamilton e deve cedergli la terza posizione, inoltre decide di montare gomme soft per l’ultimo stint. Una mossa che però non dà i frutti sperati e che, al contrario, estromette il tedesco dalla lotta per il podio in maniera definitiva. Hamilton ringrazia e si lancia all’inseguimento di Verstappen. Il duello si accende nel finale ma il baby fenomeno olandese difende con i denti la posizione e, complice anche un dritto di Hamilton, si tiene stretto il secondo posto. Il doppio podio basta comunque alla Mercedes per festeggiare con largo anticipo il titolo costruttori. Per Hamilton, però, è un party con pochi sorrisi: ora Rosberg ha le mani sul titolo.

“Dopo la buona qualifica di ieri, il problema al cambio e la conseguente penalizzazione in griglia non hanno certo aiutato su questo tipo di pista. Ovviamente sono molto deluso, perché avevamo una buona macchina e se fossimo partiti in terza posizione, con la velocità che avevamo, avremmo avuto più possibilità di lottare”, ha detto Kimi Raikkonen, dopo il quinto posto a Suzuka. “Sono partito bene, ma poi sono rimasto bloccato dietro ad altre vetture: questo condizionava il comportamento della mia macchina, era difficile rimanere vicino agli altri e provare ad attaccare. Una volta effettuati i sorpassi, con pista libera davanti, riuscivo a guidare come volevo. Di sicuro la nostra macchina oggi era veloce, avrebbe meritato un risultato migliore. Purtroppo le cose sono andate così”, ha aggiunto.

Ordine d’arrivo del Gran Premio del Giappone di Formula 1: 1 Nico Rosberg (Ger/Mercedes) 53 giri in 1h26’43”333 2 Max Verstappen (Ola/Red Bull/Renault) a 4”978 3 Lewis Hamilton (Ing/Mercedes) 5”776 4 Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) 20”269 5 Kimi Raikkonen (Fin/Ferrari) 28”370 6 Daniel Ricciardo (Aus/Red Bull/Renault) 33”941 7 Sergio Perez (Mes/Force India/Mercedes) 57”495 8 Nico Hulkenberg (Ger/Force India/Mercedes) 59”177 9 Felipe Massa (Bra/Williams/Mercedes) 1’37”763 10 Valtteri Bottas (Fin/Williams/Mercedes) 1’38”323 11 Romain Grosjean (Fra/Haas/Ferrari) 1’39.254s 12 Jolyon Palmer (Fra/Renault) 1 giro 13 Daniil Kvyat (Rus/Toro Rosso/Ferrari) 1 giro 14 Kevin Magnussen (Dan/Renault) 1 giro 15 Marcus Ericsson (Sve/Sauber/Ferrari) 1 giro 16 Fernando Alonso (Spa/McLaren/Honda) 1 giro 17 Carlos Sainz (Spa/Toro Rosso/Ferrari) 1 giro 18 Jenson Button (Ing/McLaren/Honda) 1 giro 19 Felipe Nasr (Bra/Sauber/Ferrari) 1 giro 20 Esteban Gutierrez (Me/Haas/Ferrari) 1 giro 21 Esteban Ocon (Fra/Manor/Mercedes) 1 giro 22 Pascal Wehrlein (Ger/Manor/Mercedes) 1 giro

La classifica iridata piloti del Mondiale di F1: 1. Nico Rosberg (Ger) Mercedes 313 punti; 2. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes 280; 3. Daniel Ricciardo (Aus) Red Bull 212; 4. Kimi Raikkonen (Fin) Ferrari 170; 5. Max Verstappen (Ola) Red Bull 165; 6. Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 165; 7. Valtteri Bottas (Fin) Williams 81; 8. Sergio Perez (Mex) Force India 80; 9. Nico Hulkenberg (Ger) Force India 54; 10. Felipe Massa (Bra) Williams 43; 11. Fernando Alonso (Spa) McLaren 42; 12. Carlos Sainz Jr (Spa) Toro Rosso 30; 13. Romain Grosjean (Fra) Haas 28; 14. Daniil Kvyat (Rus) Toro Rosso 25; 15. Jenson Button (Gbr) McLaren 19; 16. Kevin Magnussen (Dan) Renault 7; 17. Jolyon Palmer (Gbr) Renault 1; 18. Pascal Wehrlein (Ger) Manor 1; 19. Stoffel Vandoorne (Bel) McLaren 1.

La classifica iridata costruttori: 1. Mercedes 593 (campione del mondo); 2. Red Bull 385; 3. Ferrari 335; 4. Force India 134; 5. Williams 124; 6. McLaren 62; 7. Toro Rosso 47; 8. Haas 28; 9. Renault 8; 10. Manor 1; 11. Sauber 0.

Share

Leave a Reply