Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola. Presidio alle 17.30 di martedì presso l’Ambasciata turca, per solidarizzare e protestare

Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola. Presidio alle 17.30 di martedì presso l’Ambasciata turca, per solidarizzare e protestare

FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola hanno organizzato un presidio a Roma, martedì 26 luglio alle 17,30, nei pressi dell’Ambasciata turca, in Piazza San Martino della Battaglia (angolo Via Palestro) per esprimere solidarietà alle migliaia di insegnanti e docenti universitari turchi sospesi e vittime di azioni restrittive della libertà da parte del governo. Inoltre, intendiamo manifestare la nostra vibrata protesta contro la repressione in atto in Turchia, anche se legittimata dal fallito colpo di stato, con la richiesta esplicita di ripristinare e rispettare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e le libertà fondamentali, soprattutto per le donne turche.
Al presidio ha aderito la Rete della Pace che ha lanciato una petizione on line e saranno presenti anche le confederazioni CGIL, CISL e UIL.

Anche la Funzione Pubblica della Cgil aderisce alla manifestazione di solidarietà e di protesta dei sindacati della conoscenza. “L’escalation degli ultimi giorni – un vero e proprio repulisti nei confronti dei funzionari pubblici, dei docenti, del sindacato e del sistema di informazione, la sospensione della convenzione sui diritti umani – ci allarma e ci obbliga a non restare silenti, come ci allarma la totale assenza di una reazione civica nel nostro Paese e nel nostro territorio. Questo primo appuntamento non può restare isolato. Serve una mobilitazione di tutte le forze democratiche”.

Share

Leave a Reply