Usa. 6 bimbi uccisi dalla Malm di Ikea: 29 milioni di cassettiere richiamate dal mercato americano

Usa. 6 bimbi uccisi dalla Malm di Ikea: 29 milioni di cassettiere richiamate dal mercato americano

“Annunciamo la decisione di richiamare le cassettiere Malm dal mercato” ha scritto quest’oggi Ikea in un comunicato citato dalla Cnn. La società svedese è giunta a questa risoluta decisione alla luce dell’ultima tragica morte di un bambino in America, a causa proprio del prodotto, che va a sommarsi ai passati incidenti che hanno provocato 6 vittime in tutto fino ad oggi: tutti bambini piccoli. Il primo caso si è verificato 27 anni fa, gli altri tra il 2002 e il 2016, tre solo tra il 2014 e il 2016. Molte delle cassettiere, se non fissate saldamente alla parete, come su consiglio dell’azienda stessa, era previsto che avrebbero potuto sbilanciarsi e cadere in avanti nell’apertura dei cassetti, come è appunto accaduto. E a pagarne le spese sono stati i bambini, travolti e schiacciati dal peso delle cassettiere nel ribaltamento. Il presidente Ikea Usa, Lars Petersson, ha tenuto infatti a precisare come nelle istruzioni il fissaggio fosse appositamente specificato. Fino al 2015, Ikea non aveva modificato il design del prodotto né aveva mai decretato di ritirarlo, optando piuttosto per il lancio di un programma di “riparazione”. Oggi finalmente arriva la notizia dell’impegno da parte dell’azienda nel revisionare i prodotti e la conferma ufficiale del ritiro: 29 milioni di cassettiere Malm fuori dal mercato americano. “È chiaro che vi sono ancora prodotti non messi in sicurezza nelle case dei clienti, e crediamo che compiere questo ulteriore passo sia la cosa giusta da fare”, prosegue l’azienda.

Sul sito di Ikea.us è stato pubblicato il “recall” che prevede un rimborso (per le Malm acquistate prima del 2002 fino alla metà del valore) oppure viene avanzata la proposta di tenere in casa le cassettiere, effettuando richiesta del kit per il fissaggio alla parete.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.