Istat: non sorprende la fiducia dei consumatori in calo. Il governo faccia un atto di coraggio e stanzi le risorse per dare una vera svolta all’economia

Istat: non sorprende la fiducia dei consumatori in calo. Il governo faccia un atto di coraggio e stanzi le risorse per dare una vera svolta all’economia

L’Istituto di Statistica emette oggi un nuovo bollettino negativo sulnostro Paese: la fiducia di famiglie ed imprese a giugno è di nuovo in calo, per la terza volta consecutiva. Un dato allarmante, che conferma le nostre preoccupazioni circa l’andamento ancora incerto ed instabile della nostra economia. Non c’è da sorprendersi se la fiducia sulle prospettive economiche non migliora. Dalla disoccupazione all’andamento del potere di acquisto, i cittadini non intravedono spiragli di miglioramento.

Per invertire tale tendenza, è evidente che il Governo deve mettere in atto politiche mirate alla redistribuzione dei redditi. Il primo passo in tal senso, lo ribadiamo da tempo, è l’avvio di un Piano Straordinario per il Lavoro che avrebbe un triplice effetto positivo:

1) darebbe reddito e futuro a chi oggi è senza occupazione;

2) darebbe ossigeno e nuova capacità di acquisto alle famiglie che attualmente si trovano a sostenere figli, nipoti e parenti disoccupati, con una spesa di circa 400-500 Euro al mese;

3) contribuirebbe a rimettere in moto il sistema produttivo, grazie alla nuova domanda che si creerebbe nel mercato interno.

Secondo uno studio dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, ipotizzando un tasso di disoccupazione al 6% (tasso ante-crisi, seppure ancora elevato), rispetto ad oggi la capacità di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di Euro l’anno.

Chiediamo pertanto al Governo un atto di coraggio: vendere una parte delle riserve auree (circa il 15%) e convogliare tutte le risorse necessarie per stanziare gli investimenti necessari allo sviluppo ed alla ricerca, alla realizzazione di infrastrutture ed alla loro modernizzazione, all’avvio di un programma di valorizzazione dell’offerta turistica, vista anche la stagione che stenta a decollare. Siamo convinti che siano questi i presupposti fondamentali per dare una reale e concreta svolta alla nostra economia, e sia questo il momento per renderla più forte e solida, maggiormente in grado di affrontare la delicata situazione internazionale che si prospetta nei prossimi mesi.

L’indice della prima stima, segnala l’Istat, prosegue l’andamento negativo avviato ad aprile e passa a 110,2 punti, da 112,5 di maggio. Le imprese vedono invece l’indicatore diminuire a 101,2, da 103. Per la fiducia dei consumatori si tratta del livello più basso da agosto 2015, mentre per quella delle imprese è il risultato peggiore da marzo 2016. Secondo la rilevazione dell’Istituto di statistica, a segnare un segno negativo sono tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori: il clima personale (a 103,0 da 105,4) e quello economico, che riguarda il Paese nel suo complesso (a 131,8 da 135,7), così come il clima corrente (a 108,2 da 109,8) e quello futuro (a 112,9 da 117,6).

Share

Leave a Reply