Scuorum, quattro firme per la scuola pubblica. Parte la campagna per il referendum sulla Scuola

Scuorum, quattro firme per la scuola pubblica. Parte la campagna per il referendum sulla Scuola

Il 9 aprile ha avuto inizio in centinaia di piazze italiane la raccolta di firme per i Referendum sulla “buona scuola”. Il comitato promotore, rappresentato da decine di organizzazioni tra movimenti, associazioni e sindacati, tra cui la FLC CGIL, chiede al popolo italiano di firmare per quattro quesiti, relativi all’abrogazione del peggio di questa legge: i finanziamenti privati alle singole scuole, la chiamata discrezionale dei docenti, l’obbligo di minimo 200-400 ore di alternanza scuola-lavoro e il potere del preside di scegliere arbitrariamente i docenti da premiare. Quattro firme che possono cambiare il futuro della scuola pubblica, restituendo la parola a chi nelle scuole vive, ai cittadini, ai territori, alle famiglie e alle tante associazioni interessate all’istruzione e all’educazione nel nostro Paese, che vogliono a tutti i costi una scuola che sia davvero pubblica, democratica, in poche parole di tutti.

Tutte le informazioni utili sui quesiti e su dove e come è possibile votare sono disponibili sul sito ufficiale del Referendum, dove è anche possibile trovare tutti i materiali utili alla diffusione dei contenuti referendari. Inoltre è già online e attivissima da qualche giorno la pagina facebook Referendum Scuola, aggiornata costantemente con informazioni da tutto il territorio italiano. #Scuorum l’hashtag ufficiale, con cui è possibile seguire l’andamento della campagna referendaria e ricostruire la cronologia di tutti gli eventi.

Il sito è in continuo aggiornamento ma per ogni richiesta di informazione ci si può rivolgere all’indirizzo di posta elettronica info@referendumscuola.org.

Share

Leave a Reply