Sanders ha incontrato papa Francesco sabato mattina. Avrà effetti sul voto dei democratici cattolici?

Sanders ha incontrato papa Francesco sabato mattina. Avrà effetti sul voto dei democratici cattolici?

In una intervista all’agenzia di stampa Associated Press, Bernie Sanders, candidato alle primarie presidenziali democratiche, ha rivelato di aver incontrato papa Francesco nella mattina di sabato, prima della partenza del pontefice per l’isola greca di Lesbo. È stato “un vero onore”, ha detto Sanders, aggiungendo che al papa ha voluto riconoscere “di aver molto apprezzato il suo messaggio al mondo sul bisogno di introdurre maggiore etica e giustizia nell’economia globale”. E infine, per Sanders, il papa “è una delle figure straordinarie non solo nel mondo d’oggi, ma nell’intera storia moderna del mondo”.

Il senatore del Vermont sfida Hillary Clinton per la nomination democratica, e questo incontro giunge a poche ore dal martedì decisivo per le sorti di entrambi, quando si voterà nello stato di New York, che esprimerà 247 delegati. C’è una forte componente cattolica nel voto democratico newyorchese, e dunque è difficile immaginare che il viaggio di Sanders in Vaticano non avrà effetti. In questo momento, il vantaggio di Clinton su Sanders, al netto dei grandi elettori, è di appena 250 delegati. Ciò che appare certo, sfogliando i principali quotidiani Usa online, è che il breve incontro nella residenza pontificia di Santa Marta non è certo passato in sordina. Cattolici e non cattolici americani ora sanno che Sanders ha detto al papa “che nutre un profondo apprezzamento del ruolo incredibile che sta giocando in questo pianeta nel discutere di temi quali il bisogno di un’economia basata sull’etica piuttosto che sull’avidità”. Non solo. I giornali americani rilanciano anche la circostanza per cui Sanders, sua moglie e i loro nipoti sono stati ospitati per la notte alla Domus Santa Marta, sullo stesso piano delle stanze papali. Naturalmente, non ci sono resoconti fotografici, perché il Vaticano ha chiesto di evitare qualunque interferenza con la campagna elettorale in corso negli Usa. Nell’intervista, Sanders ha voluto anche aggiungere che il messaggio del papa “risuona in ogni religione della terra ed anche tra coloro che non abbracciano alcuna religione”.

Un testimone oculare dell’incontro tra Sanders e il papa, il professor Jeffrey Sachs ha poi confermato che i due si sono incontrati nella hall della Domus Santa Marta per cinque minuti. E dopo l’incontro, Sanders e famiglia hanno visitato la Basilica di San Pietro, prima di far ritorno a New York, dove incombono decine di appuntamenti elettorali.

 

 

Share

Leave a Reply