Primarie Usa. Bernie Sanders: “ho perso perché i poveri non votano”

Primarie Usa. Bernie Sanders: “ho perso perché i poveri non votano”

Intervistato sulle sconfitte contro Hillary Clinton soprattutto negli stati dove più forti sono le condizioni di ineguaglianza sociale, il candidato democratico alla Casa Bianca Bernie Sanders ha trovato la sua interpretazione fulminante: “Beh, i poveri non votano”. Il senatore socialista del Vermont parlava alla trasmissione della NBC “Meet the presse”, a pochi giorni dal voto in Pennsylvania, dopo la sconfitta nello stato di New York. L’intervista è andata in onda domenica 24 aprile. Sanders ha centrato l’intera campagna elettorale per la sua nomination alle presidenziali dell’otto novembre sul tema della lotta alle diseguaglianze sociali, e ha perso proprio nei 16 sui 17 stati dove più ampio è lo scarto salariale tra ricchi e poveri. “Voglio dire una cosa semplice”, ha replicato Sanders al giornalista che gli poneva il quesito, “è una realtà triste della società americana, ed è difficile trasformare in positivo questo stato delle cose”, questa tendenza a disertare le urne da parte dei poveri. Sanders ha ribadito di essere riuscito a coinvolgere nella sua battaglia politica centinaia di migliaia di giovani, ma ha riconosciuto di non essere stato in grado di fare altrettanto con i poveri. E ha aggiunto: “l’ottanta per cento dei poveri non ha votato alle elezioni del 2014”.

Sanders ha ragione: i dati del censimento americano sulle elezioni dimostrano ampiamente che solo il 24,5% dei cittadini con un salario inferiore ai 10.000 dollari vota. Ciò significa che i tre quarti di circa 50 milioni di americani al di sotto di quella soglia non si reca alle urne. “Abbiamo uno dei tassi di partecipazione più bassi tra tutti i grandi paesi del mondo”, ha concluso Bernie Sanders. Secondo uno studio del 2015 dell’Istituto di ricerca Pew, la partecipazione americana alle elezioni è stata tra le più basse rispetto alla gran parte dei paesi sviluppati. Hanno fatto peggio solo Giappone, Cile e Svizzera.

Share

Leave a Reply