FP Cgil e Fp Cisl Lazio. Sanità privata: al Santa Lucia pazienza finita, adesioni allo sciopero oltre l’80%.

FP Cgil e Fp Cisl Lazio. Sanità privata: al Santa Lucia pazienza finita, adesioni allo sciopero oltre l’80%.

“Un’adesione straordinaria, oltre l’80%”, scrivono in un comunicato i segretari regionali della FP Cgil e FP Cisl del Lazio, Natale Di Cola e Roberto Chierchia, “quella registrata oggi allo sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori della Fondazione Santa Lucia, ancor più importante se si pensa che parliamo di una struttura della sanità accreditata. Questa mattina al civico 306 di via Ardeatina i lavoratori della Fondazione Santa Lucia hanno interrotto il loro lavoro e sono scesi in strada”.

“Lo sciopero, articolato sulle ultime tre ore di tutti i turni di servizio, ha registrato un’adesione ai primi due turni superiore a ogni aspettativa. Nei reparti di degenza, dove era necessario garantire i minimi assistenziali ai pazienti ricoverati e dove maggiore è il ricorso al personale interinale, le astensioni hanno superato comunque il 70%. L’area della riabilitazione ha sfiorato il 90%, mentre al Centro Ricerca sul Cervello e al Poliambulatorio l’adesione è stata totale, il 100% dei lavoratori ha incrociato le braccia.

Le ragioni della protesta sono quelle di sempre: l’annoso contenzioso economico tra la Fondazione Santa Lucia, IRCCS d’eccellenza, e la Regione Lazio, che come sempre rischia di essere pagato dai lavoratori. Nei recenti incontri ufficiali la Fondazione ha addirittura ventilato la chiusura o comunque di ridimensionamento della struttura, minacciando una riduzione di personale di 200 unità.

La risposta dei lavoratori del Santa Lucia, la solidarietà delle famiglie che hanno partecipato alla manifestazione di stamattina e quella dei tanti colleghi delle altre strutture, la grande adesione allo sciopero, sono allo stesso tempo l’espressione di una grande forza del personale della Fondazione e di un disagio profondo. Un Istituto di Ricerca e Cura altamente specializzato che richiama utenza da tutto il Centro Sud non merita alcuna riduzione della attività e
può realizzare la propria mission solamente con personale ben motivato e con certezze sul proprio futuro”.

Share

Leave a Reply