Forza Italia ‘rianima’ Bertolaso, ma i giochi sono ancora tutti aperti

Forza Italia ‘rianima’ Bertolaso, ma i giochi sono ancora tutti aperti
È sempre più caos nelle destre capitoline. Nella giornata di venerdì, nuovo round tra quelle che più che correnti sembrano vere e proprie fazioni e ad aggiudicarselo, almeno quanto a visibilità è l’anima più soft e meno rampante di Forza Italia. Un sonoro schiaffo a Meloni e Salvini, che nel giorno del Natale di Roma avevano aperto le danze elettorali sulla balconata del Pincio. Berlusconi, dunque, non abbandona, almeno per ora, il suo candidato Giudo Bertolaso e gli ‘Azzurri’ dopo una riunione fiume a Palazzo Grazioli annunciano per il prossimo 29 aprile, la presentazione della lista che sosterrà la candidatura dell’ex titolare della Protezione Civile. Per tutti ha parlato il coordinatore romano ed ex potente Assessore nelle Giunta Alemanno, Davide Bordoni: “La lista di Forza Italia a supporto di Guido Bertolaso verrà presentata il 29 aprile. Abbiamo fatto il punto sulle candidature in municipi e in consiglio comunale. Non cambia nulla ma si va avanti con un agenda fitta di impegni sul territorio”. A incassare il colpo la scelta fatta dall’ex Cavaliere, Georgia Meloni, che già aveva dovuto inghiottire l’assenza all’apertura della sua personale campagna elettorale dell’ex padre-padrone del centrodestra.
Stizzita la Meloni: “Non ho in programma incontri con Berlusconi”
Secche e di solo di circostanza le sue parole: “Oggi un incontro con Berlusconi francamente non è in programma e non ne ho notizia”. Poi una sottile minaccia: “Ora si può parlare di tutto ma dopo apparentamenti non ne faccio. Io ho detto che siamo partiti e siamo in partita, arriveremo al ballottaggio in ogni caso”. Ma quello che sembra però certo è che nulla è ancora definito e tutto potrebbe tornare in discussione. E’ chiaro che l’ex Cavaliere vede, con Bertolaso, una freccia spuntata, legge i sondaggi ed insieme ai suoi più fidati consiglieri, cerca di stendere ponti verso Marchini, ma la strada è stretta e rischiosa, potrebbe seriamente mandare in frantumi la sua coalizione, con una parte di Forza Italia, gli oltranzisti, gli ex An ed i duri e puri, pronti a traslocare verso Fdi e Lega.
Berlusconi e gli spin doctor ‘Azzurri’ studiano non solo i sondaggi su Roma ma anche quelli nazionali
Quello che molti degli elettori romani e non dimenticano è il fatto che la forza della ‘Giovanna d’Arco’ di Fratelli d’Italia è solo nella Capitale ed è quasi inesistente in altre parti del Paese e comunque su percentuali decisamente sotto il 3-4% dei consensi. Proprio per questo l’ex Cavaliere fa di conto e cerca di leggere con grande attenzione non solo i sondaggi per il destino politico ed amministrativo della Capitale, ma anche quelli sull’intero territorio nazionale. Berlusconi, allo stato dell’arte, non sembra oggi essere disposto a cedere la leadership, ed in conseguenza di questo la linea politica del suo partito.
A Palazzo Grazioli le visite non di cortesia di Fedele Confalonieri e Gianni Letta
Non a caso a Palazzo Grazioli sono transitati in queste ore molti degli artefici dei vecchi successi elettorali, consiglieri fidati ed ascoltati come Confalonieri e Letta. La scelta di puntare, nei prossimi giorni su Bertolaso e perché non anche su Marchini, il primo City Manager ed il secondo Sindaco, potrebbe anche essere il grimaldello per far saltare i delicati equilibri del Governo Renzi, che per ora sono al sicuro con l’appoggio esterno di Verdini, ma potrebbe risentire di una possibile vittoria, magari solo con la conquista del ballottaggio, di una coalizione che vede di nuovo insieme tanti protagonisti dello scorso secolo, come Casini combinato con Alfano e condito con ingredienti preziosi come Marchini e condimenti altrettanto preziosi come Bertolaso.
Share

Leave a Reply