Facciamo il punto sulla terza ondata della tempesta perfetta

Facciamo il punto sulla terza ondata della tempesta perfetta
Avendo tenuto il giornale di bordo della tempesta perfetta sin dal suo scoppio nell’estate del 2007, ho individuato tre macro fasi in quella che è nata come la più grave crisi di liquidità dal secondo dopoguerra mondiale, travolgendo prima banche, industrie e settore immobiliare a stelle e strisce, per poi allargarsi alle banche britanniche, irlandesi, belghe olandesi, francesi e tedesche, una prima ondata che ha lasciato quasi indenni le banche italiane e l’industria nostrana.
La seconda ondata è quella che ha travolto i titoli del debito pubblico dei paesi dell’Europa mediterranea e la Grecia nel suo complesso con l’avvio dei lavori della Troika e lo strangolamento di quel paese che ancora oggi non è uscito da quella fase di difficoltà in gran parte legato alle strampalate ricette, del tutto pre keynesiane, adottate dagli spin doctors del Fondo Monetario, della Commissione europea e della Banca Centrale Europea, alcuni dei quali hanno anche onestamente, ma un po’ coccodrillescamente, fatto ammenda dei loro errori.
In questa seconda fase, io ho interrotto per tre anni circa le pubblicazioni perché non aveva senso analizzare una crisi del debito acuita dalla sostanziale inerzia della Banca Centrale Europea che, in quella fase così calda, non imitò non dico la politica fortemente espansiva adottata dalla Federal Reserve, ma neanche quella fatta propria dalla Bank of England.
Le cose sono radicalmente cambiate nel 2015, anno che ha gettato le premesse di quanto sta avvenendo in questo anno di disgrazia 2016, con le banche europee falcidiate in borsa e quelle italiane sotto la lente della vigilanza europea presso la BCE che, dopo aver molto studiato a partire dalla sua istituzione, ha iniziato a inondare le banche di missive alquanto minacciose brandendo l’arma finale del bail-in.
Tutto questo avveniva mentre scoppiava la bolla speculativa del petrolio e quando non si erano spenti gli echi di quella fragorosa del settore immobiliare, con prezzi non lontani dai minimi in numerosi paesi europei, inclusa l’Italia. Ho invitato i miei lettori a non aspettarsi vere e proprie inversioni di tendenza nei due comparti e a non lasciarsi illudere dalla corsa dell’orso in atto nel settore petrolifero, una corsa drogata dall’attesa del prossimo vertice dell’OPEC previsto a Doha, in quanto Stati Uniti, Gran Bretagna e Iran, per non parlare degli sciagurati paesi latino-americani sono in grado agevolmente da far da contrappeso alle decisioni che verranno eventualmente prese lì. Nel frattempo, l’Economic Outlook del Fondo Monetario Internazionale informa che stiamo andando verso una stagnazione secolare.
La vera novità di questa terza ondata della tempesta perfetta è data dal comportamento ampiamente proattivo delle principali banche centrali dell’orbe terraqueo, un comportamento che da solo certamente non potrà risolvere tutti i problemi, ma senza il quale staremmo certamente molto, ma molto, peggio!
Share

Leave a Reply