Ecuador. Violentissimo sisma del 7,8 Richter. Finora, 233 i morti e migliaia i feriti

Ecuador. Violentissimo sisma del 7,8 Richter. Finora, 233 i morti e migliaia i feriti

Il violento sisma di magnitudo 7,8 che ha colpito la costa pacifica dell’Ecuador sabato sera ha provocato almeno 233 morti: è questo un nuovo bilancio fornito in un comunicato dal presidente Rafael Correa, dall’aereo che lo riporta in patria da Roma, dove ha partecipato a una conferenza in Vaticano, su invito dell’Accademia Poltificia delle scienze. “Il numero ufficiale delle persone decedute è salito a 233”, ha annunciato sul suo account di Twitter Correa. Un precedente bilancio era di 77 morti e circa 600 feriti.

Intanto, il vice presidente Jorge Glas – che sta guidando il Paese in assenza di Correa – ha riferito che circa 10mila soldati e 3.500 agenti di polizia sono stati dispiegati nelle zone colpite dal sisma, che ha avuto epicentro una zona a circa 170 chilometri a nord della capitale Quito. Squadre di soccorso provenienti da Messico e Colombia sono in viaggio per aiutare nelle operazioni di ricerca. Lo stesso Glas, su Twitter, ha poi reso noto che è stata revocata l’allerta tsunami.

Un primo contributo di 100 mila euro è stato stanziato da Caritas Italiane per le popolazioni colpite dal terremoto in Ecuador. Anche Caritas Ecuador si è già attivata e in coordinamento con Mons. Heras, presidente della Pastorale Sociale, sta cercando di “monitorare la situazione e mettere a punto un piano di aiuti immediati. A causa delle piogge, molte strade sono inagibili ed è difficile raggiungere le zone colpite”. Caritas Italiana – che già da diversi anni collabora con Caritas Ecuador con il sostegno alle attività istituzionali e la realizzazione di micro progetti di sviluppo in tutte le diocesi del paese – ha subito espresso tramite Caritas Ecuador solidarietà e vicinanza alle comunità colpite.

La provincia di Esmeraldas e gli altipiani andini della vicina provincia Imbambura sono tra le regioni più sismiche dell’Ecuador. Per ridurre la vulnerabilità della popolazione in caso di catastrofi naturali, la Caritas aveva avviato negli ultimi anni, progetti di preparazione alle emergenze, attività di prevenzione e piani di evacuazione che sono stati presentati anche nelle scuole. Più del 20% della popolazione dell’Ecuador vive al di sotto della soglia di povertà, l’undici per cento è considerato malnutrito.

Share

Leave a Reply