Concorso scuola. Pantaleo, Flc: aperto vaso di Pandora dei mali della pessima legge Giannini

Concorso scuola. Pantaleo, Flc: aperto vaso di Pandora dei mali della pessima legge Giannini

Con provvedimento d’urgenza, una sentenza del Consiglio di Stato ha riconosciuto il diritto di 20.000 docenti non abilitati ricorrenti ad essere ammessi con riserva al concorso scuola, iniziato il 28 aprile, che prevede l’assunzione di 63.000 insegnanti.

“Da notizie di agenzia apprendiamo che il Consiglio di Stato ha riconosciuto il diritto di circa 20.000 docenti non abilitati ricorrenti ad essere ammessi con riserva al concorso scuola, iniziato il 28 aprile e che prevede l’assunzione di più di 63.000 docenti. Con provvedimento di urgenza, si legge, il Consiglio di Stato ha consentito a questi docenti di presentarsi alle prove concorsuali, sia pure con riserva”. Così Domenico Pantaleo, segretario generale della federazione dei lavoratori della Conoscenza Cgil.

“Da tempo, la posizione della Flc è stata chiara in merito a questo concorso. Intanto, confermiamo che la via concorsuale resta sempre quella da seguire, in materia di pubblico servizio. Deve però essere percorsa con giudizio, saggezza, trasparenza e dialogo con le organizzazioni sindacali. Non possiamo che stigmatizzare con forza, invece, la lunga serie di errori commessi dal Miur e dalla ministra Giannini su questo particolare concorso. Per un errato senso della fretta, essi hanno evidentemente combinato enormi pasticci, le cui vittime sono le migliaia di docenti esclusi dal concorso, costretti a farsi riconoscere un diritto di accesso dalla giustizia amministrativa. Ciò dimostra che la platea degli aventi diritto non era e non è mai stata coerente con le regole generali che sovrintendono i concorsi pubblici. A ciò, si aggiunga il pressapochismo con il quale sono state predisposte le prove del concorso: mancanza dei commissari, mancanza di trasparenza nelle griglie di valutazione, enormi problemi di natura logistica, per cui, ad esempio, a molti docenti sardi è stato imposto di recarsi a Roma“, rileva il dirigente sindacale.

“Questa nuova sentenza del Consiglio di Stato, che ammette di fatto anche i non abilitati, impone un ripensamento delle norme concorsuali sulla scuola, predisponendo un percorso separato e preferenziale per gli abilitati con servizio. La sostanza è che per questo importantissimo e delicatissimo concorso si poteva e doveva fare meglio, se solo si fosse scelta la strada del dialogo, e non della chiusura ostinata da parte della ministra. Ostinazione, chiusura e fretta sono state pessime consigliere, e le conseguenze negative sono visibili ogni giorno. Le organizzazioni sindacali, e la Flc in particolare, avevano consigliato, infatti, di procedere attraverso un piano pluriennale d’immissione in ruolo di tutti i precari della scuola, evitando il rischio di produrre una gerarchia tra docenti, quelli di serie A, quelli di serie B e quelli di quarta serie. Se Giannini avesse concordato su questo schema, oggi avremmo una situazione significativamente diversa”, prosegue l’esponente Cgil.

“Auspichiamo, dunque, che il Parlamento manifesti il coraggio di salvare la scuola pubblica da questa serie di errori, che rischia di compromettere seriamente il prossimo anno scolastico, e di scatenare un lungo contenzioso giudiziario e seriale probabilmente senza fine. È giunto il momento di prendere atto che questo ministro non è più in grado di sostenere le sfide della scuola nel nuovo millennio, neppure dal punto di vista organizzativo e contrattuale”, conclude il leader Flc.

Share

Leave a Reply