Aleppo. Ospedale distrutto. Il direttore scrive una lettera al mondo in ricordo del pediatra ucciso

Aleppo. Ospedale distrutto. Il direttore scrive una lettera al mondo in ricordo del pediatra ucciso

Il direttore dell’ospedale pediatrico di Aleppo, supportato da Medici da frontiere, distrutto due giorni fa da un raid aereo, scrive una lettera al mondo per ricordare il pediatra Muhammad Waseem Maaz, ucciso nel corso dei bombardamenti. Era l’ultimo pediatra rimasto. Speriamo che il suo sacrificio non sia stato vano, e che i leader delle potenze mondiali impongano la tregua ad Aleppo e in tutte le zone di guerra della Siria.

“Cari amici, sono il dottor Hatem, il direttore dell’Ospedale pediatrico di Aleppo. La scorsa notte, 27 persone fra personale medico e pazienti sono stati uccisi in un attacco aereo che ha colpito il vicino ospedale di Al Quds. Il mio amico dottor Muhammad Waseem Maaz, il pediatra più qualificato della città, è stato ucciso durante l’attacco. Lui abitualmente lavorava presso l’Ospedale pediatrico durante il giorno, mentre durante la notte prestava servizio presso la struttura di Al Quds, dove si occupava delle emergenze.

Il dottor Maaz e io trascorrevamo sei ore al giorno insieme. Era cordiale, amichevole e aveva l’abitudine di scherzare molto con tutto il personale. Era il medico più amabile del nostro ospedale. Ora mi trovo in Turchia e anche lui avrebbe dovuto far visita alla sua famiglia qui dopo il mio ritorno ad Aleppo. Non li vedeva da quattro mesi. Nonostante tutto, il dottor Maaz è rimasto ad Aleppo, la città più pericolosa del mondo, per devozione verso i suoi pazienti. Gli ospedali sono spesso tra i bersagli delle forze governative e delle forze aeree russe. Giorni prima che un raid aereo ponesse fine alla vita del dottor Maaz, un altro attacco era stato registrato a soli duecento metri dal nostro ospedale.

Quando i bombardamenti si intensificano, il personale medico si ripara al piano terra dell’ospedale portando con sè le incubatrici con i neonati al loro interno, per proteggerli. Come tante altre vittime, il dottor Maaz è stato ucciso per aver salvato delle vite. Oggi vogliamo ricordare la sua umanità e il suo coraggio. Speriamo che questa storia possa essere condivisa, in modo che altri possano sapere che cosa sono costretti ad affrontare i medici ad Aleppo e in tutta la Siria. Oggi la situazione è critica e Aleppo stessa potrebbe essere presto messa sotto assedio. Abbiamo bisogno che il mondo sappia. Grazie per la vostra vicinanza Dr. Hatem”.

Share

Leave a Reply