Duro colpo agli affari della camorra nella Capitale. Blitz di Polizia e Gdf, sette gli arresti e sequestro milionario

Duro colpo agli affari della camorra nella Capitale. Blitz di Polizia e Gdf, sette gli arresti e sequestro milionario

Blitz contro la camorra a Roma. Oltre 160 agenti della polizia di stato e militari della guardia di finanza, sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Roma, stanno eseguendo una misura cautelare nei confronti di un’organizzazione criminale attiva nella commercializzazione di prodotti ortofrutticoli e lattiero-caseari nella Capitale. I destinatari delle sette ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Roma sono esponenti di vertice, affiliati e prestanome del clan Moccia operante a Roma nel settore ortofrutticolo e delle mozzarelle. Nei confronti dei soggetti coinvolti è scattato anche il sequestro di beni per un valore di circa un milione.

Le indagini scattate dopo l’omicidio a Nettuno di uno degli affiliati

Le indagini della Squadra Mobile sono scaturite dall’uccisione, avvenuta a Nettuno il 23 luglio 2012, di Pellino Modestino, affiliato al clan Moccia, e condannato per gravi reati, all’epoca dell’uccisione sorvegliato speciale di PS e sottoposto alla misura dell’obbligo di soggiorno a Nettuno. Parallelamente, il Gico veniva delegato all’esecuzione di specifiche indagini tese a riscontrare ipotesi di infiltrazioni criminali nel redditizio mercato della distribuzione agroalimentare della Capitale. I soggetti coinvolti nell’odierna operazione di polizia, convenzionalmente denominata Poseidone-Passion fruit, sono stati segnalati alla locale A.G. per plurime fattispecie di reato che vanno dal trasferimento fraudolento di valori, all’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, all’estorsione e all’illecita concorrenza con minaccia o violenza, con le aggravanti previste per i delitti commessi nell’ambito delle associazioni di tipo mafioso.

Disarticolato un pericolosissimo sodalizio criminale che gestiva numerose attività nella Capitale

Nel dettaglio, l’attività investigativa ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale, promosso ed organizzato da Moccia Luigi (cl. 1956), esponente apicale dell’omonima consorteria camorristica, il quale è risultato essere il gestore di diverse attività imprenditoriali, attive nella Capitale principalmente nei settori della distribuzione di prodotti lattiero caseari ed ortofrutticoli, nonchè in quello turistico-alberghiero. Il Moccia Luigi ha “mimetizzato” le proprie attività nell’economia, servendosi di una serie di prestanomi al fine di schermarne l’effettiva titolarità. Al predetto competevano i poteri decisori in merito alle scelte organizzative ed operative delle società a lui riconducibili, lo stesso si preoccupava di predisporre le strutture ed i mezzi strumentali all’esercizio delle relative attività, di individuare i fornitori e di procurare alle società importanti clienti, decidendo anche le strategie di espansione delle imprese, sia sul mercato romano che estero. I suoi dipendenti dovevano ragguagliarlo in merito ad ogni aspetto della loro quotidiana attività e consultarlo per ogni decisione anche marginale.

La gang aveva pronto un piano per espandere le attività anche in Spagna, a Barcellona

Nell’organizzazione malavitosa un ruolo parimenti rilevante è stato assunto dall’imprenditore romano Moccia Gennaro – cl. 1972, detto Roberto, che ha favorito l’introduzione delle attività di Moccia Luigi nel mercato capitolino, con proiezioni di espansione sul mercato ortofrutticolo di Barcellona (Spagna). La collaborazione tra i due è diventata stretta a tal punto da portare alla costituzione di una vera e propria società di fatto, operante nel settore della commercializzazione di prodotti ortofrutticoli e lattiero caseari destinati ad attività di ristorazione romane di primaria rilevanza, nonché a negozi di una catena di supermercati nota in ambito nazionale. Le indagini consentivano altresì di monitorare l’interessamento del Moccia Luigi nell’acquisizione della gestione di strutture alberghiere attive in questa Capitale, peraltro già sequestrate (nel giugno 2013) in sede di prevenzione e successivamente confiscate (nel dicembre 2014), con la previsione di investimenti per circa 15 milioni di euro. Proprio in tale settore imprenditoriale, è stata accertata la riconducibilità in capo al Moccia Luigi di due unità immobiliari site in Napoli, formalmente intestate ad un’azienda facente capo a Maranta Maria, ove quest’ultima conduce l’attività alberghiera denominata Hotel San Pietro. Alla vicinanza al clan è da ricondurre anche la documentata aggressione, avvenuta presso il Centro agroalimentare Roma – C.A.R. nel novembre del 2013, perpetrata dal Moccia Gennaro – cl. 1972 nei confronti di un imprenditore concorrente nel medesimo settore, con le connotazioni di una tipica azione camorristica.

Share

Leave a Reply