Chi sta comprando i Bund tedeschi e perché?

Chi sta comprando i Bund tedeschi e perché?

Mi rivolgo in particolare ai lettori del Diario della crisi finanziaria (diariodellacrisi.blogspot.com) che hanno avuto la pazienza di leggere la puntata  dedicata al modo in cui va letto lo spread, in particolare quello tra BTP e Bund a dieci anni, per sottolineare che sta accadendo un fenomeno inedito, in quanto ieri mattina c’erano operatori disposti a comprare il decennale tedesco nonostante lo stesso garantisse uno yield, o rendimento interno, nell’area dello 0,15 per cento, con punte sino allo 0,13 per cento a metà seduta.

Non ignoro che in altri punti della curva dei rendimenti dei titoli di Stato tedeschi, ovviamente posti al di sotto come durata dei decennali, i rendimenti sono addirittura negativi, ma vedere un decennale che offre questi livelli fa davvero impressione e induce a interrogarsi sui motivi di questi acquisti e sull’identikit degli acquirenti.

È evidente che una situazione del genere è spiegabile solo alla luce di una fase di grande incertezza sulle prospettive delle entità quotate, in particolare appartenenti al settore bancario, o sui rischi, veri o presunti, derivanti dall’investimento in altri titoli del debito sovrano, in particolare di quelli emessi da paesi dell’area meridionale dell’Unione europea, una miscela di motivazioni che spinge a vedere il decennale tedesco, e ovviamente anche a diverse scadenze, come una sorta di bene rifugio garantito dalla solidità del Paese e dal massimo rating garantito allo stesso dalle potenti agenzie di rating, le stesse che continuavano a garantire la massima affidabilità di Lehman Brothers a pochi giorni dal suo clamoroso default.

Per quanto riguarda l’identikit degli acquirenti, è presto detto in quanto esistono una serie di soggetti nel mondo, fondi pensione, compagnie di assicurazione e alcuni tipi di fondi sovrani che sono costretti a impiegare una parte dei loro ingenti investimenti in titoli rappresentativi del debito pubblico di paesi che forniscano le massime garanzie in termini di solidità e di affidabilità, condizioni queste ovviamente e come dicevamo sopra garantite nero su bianco da Moody’s, Standard&Poor’s o Fitch’s. Non mancano, ovviamente, anche singoli investitori, segnatamente risparmiatori tedeschi, e questi scelgono il Bund in alternativa all’oro o altri investimenti sicuri.

Il bello è che sono mesi che il decennale italiano si muove in un’area compresa tra 140 e 160 basis point di rendimento e questo era vero anche quando il Bund era tre 60 e 70 basis point, quindi non siamo in presenza di significative variazioni nel prezzo e quindi nel rendimento dei nostri titoli, ma di fronte a un rally senza precedenti dei titoli rappresentativi del debito pubblico tedesco.

Share

Leave a Reply