Abruzzo, discarica abusiva grande 20 volte il Colosseo

Abruzzo, discarica abusiva grande 20 volte il Colosseo

Ennesima scoperta a dir poco scioccante in Abruzzo. Dai risultati di alcuni monitoraggi sul territorio sarebbe stata individuata e messa sotto sequestro dal Noe (Nucleo Operativo Ecologico) di Pescara, in collaborazione tecnica con Res.Gea (azienda specializzata nel monitoraggio ambientale attraverso servizi di telerilevamento e gestione di database territoriali), una gigantesca discarica abusiva, estesa più di 40 ettari, vale a dire un’area paragonabile a circa 20 volte il Colosseo, nella località di Cese San Marcello a Celano. Le dimensioni dei cumuli superano i 4 metri in pianta e la stima dei volumi dei materiali interrati si aggira attorno a cifre superiori al mezzo milione di metri cubi. La responsabilità è da far risalire ad aziende locali che si occupano dello smaltimento dei rifiuti, ma è ancora da capire. Le operazioni sono state supportate anche dall’utilizzo di droni per fornire un quadro preciso e tempestivo delle attuali condizioni del sito. La consulenza tecnica di Res.Gea ha permesso di individuare, mediante immagini acquisite da piattaforma aerea e satellitare, quali fossero le zone utilizzate per l’interramento illecito di rifiuti. Trattandosi di un territorio che necessita di essere monitorato periodicamente per la sua conformazione geo-morfologica, in archivio sono possedute tutte le immagini aeree e satellitari ottenute nel tempo, a partire dagli anni ’50, che mostrano un quadro preciso dei cambiamenti che si sono verificati. Non è stato dunque difficile accorgersi di una così “scomoda” presenza, seppur impossibile da non notare, essendo così estesa. Inoltre il sopralluogo effettuato è stato determinante. Alcune aree in campagna sono servite come territorio di deposito e d’accumulo per i rifiuti, mentre altre aree, prima adibite ad attività d’estrazione, sono state ricoperte e portate a piano stradale, colmate con i materiali riversati all’interno. Le indagini proseguiranno con analisi specifiche per poter risalire alla natura dei rifiuti depositati.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.