Vatileaks, un monsignore e una funzionaria in stato di fermo. La S. Sede: “Tradita la fiducia del Papa”

Vatileaks, un monsignore e una funzionaria in stato di fermo. La S. Sede: “Tradita la fiducia del Papa”

Sono finiti al ‘fresco’, almeno per alcune ore i cosiddetti ‘corvi’ del Vaticano.
 Si tratta di Monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e della dottoressa Francesca Imacolata Chaouqui, che in passato erano stati rispettivamente segretario e membro della Cosea (Commissione referente di Studio e indirizzo sull’organizzazione delle Strutture Economico-Amministrative della Santa Sede, istituita dal Papa nel luglio 2013 e successivamente sciolta dopo il compimento del suo mandato) sono accusati di aver sottratto e diffuso notizie e documenti riservati e, dopo mesi di indagini di polizia giudiziaria svolte dalla Gendarmeria vaticana, sabato e domenica scorsi sono stati messi in stato di fermo e oggi l’arresto è stato convalidato, anche se in carcere ci è finito solo l’alto prelato, monsignor Balda, visto che pre la dottoressa Chaouqui, le autorità vaticane hanno deciso che la misura cautelare non sia più necessaria, vista la sua attiva collaborazione alle indagini. Poche parole dalla sala stampa vaticana: “Tradita la fiducia del Papa”.

Share

Leave a Reply