Lecce, prosegue la fuga dell’ergastolano evaso nel corso di una visita in ospedale

Lecce, prosegue la fuga dell’ergastolano evaso nel corso di una visita in ospedale

Sono proseguite per tutta la notte, senza alcun risultato, le ricerche di Fabio Perrone, l’ergastolano 42enne di Trepuzzi che è riuscito ad evadere approfittando di una visita medica in un centro specializzato nell’ospedale Fazzi di Lecce mentre era in attesa di analisi cliniche. L’uomo, un criminale di rilevante pericolosità, dopo aver disarmato una agente di custodia ed averne ferito un secondo, è riuscito a fuggire. Un terzo uomo, un vigilantes, è stato travolto e ferito da Perrone durante la fuga dal parcheggio del nosocomio, effettuata con un’auto Toyota Yaris grigia rapinata a una donna nel parcheggio dell’ospedale. In campo ci sono centinaia di uomini di tutte le forze dell’ordine, che durante la notte hanno svolto controlli di blocco e perquisizioni in tutta la Puglia. Sotto osservazione, in particolare le persone che lo hanno aiutato durante la fuga del marzo 2014, dopo l’omicidio del 45enne montenegrino Fatmir Makovic avvenuto in un bar di Trepuzzi. In quella circostanza l’uomo si nascose per alcune ore in una villetta di Casalabate ma fu rintracciato in tempi rapidi e arrestato. Nel giugno scorso l’uomo è stato condannato all’ergastolo per omicidio e per il tentato omicidio del figlio di Makovic. Le indagini sull’evasione di ieri sono affidate alla Squadra Mobile della polizia di Lecce e coordinate dal procuratore aggiunto della Dda Antonio De Donno.

Share

Leave a Reply