Il ‘dieselgate’ potrebbe allargarsi ad altre case automobilistiche. Obama chiede di controllare tutti i modelli e di tutti i produttori

Il ‘dieselgate’ potrebbe allargarsi ad altre case automobilistiche. Obama chiede di controllare tutti i modelli e di tutti i produttori

 

E’ ormai una valanga lo scandalo già definito ‘dieselgate’ negli Stati Uniti. Non solo la Wolkswagen, ma anche altri prestigiosi marchi (Bmw-Chrysler.Gm-Land Rover-Mercedes Benz) sarebbero finiti nel mirito dell’autorità di regolamentazione americana. Ben 28, secondo le prime notizie trapelate oltre oceano, i modelli sospetti e degni dunque di speciali controlli. In queste ore Obama ha chiesto di non far sconti a nessuno e di indagare a tutto campo, ma non sono solo le autorità americane a muoversi sull,a spinta delle associazioni dei consumatori, ma anche quelle europee. In Italia l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato ha aperto un fascicolo per verificare se sono state adottate strategie commerciali scorrette. Già nella giornata di venerdì, il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha fatto sapere che la Wolkswagen, ha fornito tutti i documenti necessari sui modelli coinvolti e dunque illegali. A questo punto le auto saranno richiamati. Il ‘dieselgate’, comunque, sta facendo tremare tutto il mondo della produzione automobilistica internazionale. Proprio in questi mesi il mercato era nettamente in ripresa, ma lo scandalo potrebbe ripercuotersi sui livelli di produzione ed inevitabilmente sull’occupazione.

Share

Leave a Reply