107 morti e 238 feriti nel crollo di una gru a La Mecca, città sacra dell’Islam

107 morti e 238 feriti nel crollo di una gru a La Mecca, città sacra dell’Islam

Almeno 107 persone sono morte e 238 sono rimaste ferite nel crollo di una gru (nella foto) sulla Grande Moschea della Mecca. L’incidente si è verificato in coincidenza con l’arrivo di migliaia di pellegrini venuti da tutto il mondo alla Moschea, il sito più sacro dell’Islam, per celebrare la festività di Hajj, che ha luogo nel mese di settembre. Secondo fonti della tv araba Al Jazeera, la gru è crollata sull’ala est della Moschea a causa di una tempesta di sabbia, di pioggia torrenziale e venti fortissimi. Al Jazeera conferma che le porte erano chiuse e i pellegrini sono rimasti chiusi all’interno, provocando un gigantesco pandemonio e probabilmente la morte di decine di persone.

Al Jazeera ha mostrato le immagini di dozzine di ambulanze che raggiungevano il luogo, mentre le autorità dell’Arabia Saudita chiudevano l’intera area. Il luogo nei pressi della Mecca è un enorme cantiere in costruzione, con molte gru intente a lavorare, anche se il venerdì è giorno di riposo per i mussulmani. Ciò che ha peggiorato la situazione è il fatto che attorno alle 5.30 del pomeriggio la pioggia, già torrenziale, si è intensificata ed ha allagato le strade.

Abdel Aziz Naqoor che lavorava alla Moschea ha detto all’agenzia France Presse di aver visto la gru cadere dopo essere stata colpita dalla tempesta. “Se non ci fosse stato il ponte al-Tawaf feriti e morti sarebbero stati molti di più”, ha detto, riferendosi ad una struttura di copertura che protegge la Kasba e ha attenuato gli effetti del crollo della gru. Il governatore della provincia della Mecca, principe Khaled al-Faisal, ha ordinato un’inchiesta sull’incidente.

Il pellegrinaggio annuale Hajj dei mussulmani alla Mecca ha luogo a settembre. Le autorità saudite si preparano molto tempo prima all’accoglienza di milioni di persone che convergono sulla Mecca. Dopo gli eventi del 2004, quando la calca dei pellegrini provocò 200 morti, e del 2006 quando il crollo di un palazzo fece 76 morti e un’altra calca ne provocò 350, i principi sauditi hanno cercato di prendere numerose misure di sicurezza alla Mecca. Evidentemente non sono state sufficienti, di fronte a una tempesta di sabbia, acqua e vento.

Share

Leave a Reply