La “marcia degli uomini scalzi”. Mai più il dramma delle migrazioni. Cgil: impediamo prevalga l’orrore

La “marcia degli uomini scalzi”. Mai più il dramma delle migrazioni. Cgil: impediamo prevalga l’orrore

Domani, venerdì 11 settembre, è il giorno della Marcia delle donne e degli uomini scalzi. A partire da quella in programma a Venezia (alle 17.00 a Lido S.M.Elisabetta), iniziative simili avranno luogo in tutta Italia. “Noi stiamo dalla parte degli uomini scalzi. Di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere – recita l’appello lanciato dai promotori della manifestazione. E’ difficile poterlo capire se non hai mai dovuto viverlo. Ma la migrazione assoluta richiede esattamente questo: spogliarsi completamente della propria identità per poter sperare di trovarne un’altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro ad una barca, ad un tir, ad un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno”.

In marcia a Venezia fino al cuore della Mostra internazionale del Cinema

“In centinaia – affermano gli organizzatori – cammineremo scalzi fino al cuore della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica, per chiedere con forza i necessari cambiamenti delle politiche migratorie europee e globali”. Gli obiettivi prioritari sono quattro: 1. Certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature 2. Accoglienza degna e rispettosa per tutti 3. Chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti 4. Creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino”.

Tra i primi firmatari dell’appello Lucia Annunziata, don Vinicio Albanesi, Marco Bellocchio, Elio Germano, Gad Lerner, Valerio Mastrandrea, Giusi Nicolini, Marco Paolini, Norma Rangeri, Roberto Saviano, Andrea Segre, Toni Servillo, Sergio Staino, Jasmine Trinca e Daniele Vicari cui sono seguiti tanti altri. Così come numerose sono le adesione e fra queste quella della Cgil. La Confederazione di Corso d’Italia nel dare un contributo organizzativo alla marcia di Venezia si è fatta promotrice, insieme ad altri soggetti, di iniziative simili in tutto il paese. “La Cgil è dalla parte degli uomini scalzi – è scritto in una nota della Confederazione – di coloro che fuggono da guerre e violenze e si scontrano con i nuovi muri, le discriminazioni e i razzismi di tanti stati europei”.Non vogliamo vedere mai più bimbi morti sulle spiagge, cadaveri di persone asfissiate, annegate, volti segnati dalla sofferenza che cercano rifugio in Europa e si trovano di fronte ad egoismi nazionali indegni della tradizione e della civiltà europee – conclude la nota del sindacato – facciamo appello al governo italiano e alle istituzioni internazionali affinché si intensifichi l’azione per impedire che prevalga l’orrore e si costituisca una politica europea dell’asilo”.

Un primo elenco delle manifestazioni in programma in tutto il Paese

Questi gli appuntamenti ad oggi previsti. L’elenco è in continuo aggiornamento a segnalare il grande successo di questa iniziativa

Lombardia

Milano – venerdì 11 settembre, ore 21.00 da Porta Genova alla Darsena

Como – venerdì 11 settembre, ore 20.30 piazza San Fedele

Cremona – venerdì 11 settembre, ore 21.00 da Viale Trento Trieste, angolo via Sant’Antonio del Fuoco

Sondrio – venerdì 11 settembre, ore 17.15 piazza Garibaldi

Bergamo – venerdì 11 settembre, ore 18.00 da piazza Pontida alla Prefettura

Lecco – venerdì 11 settembre, ore 18.00 via Balicco (Ferrhotel)

Mantova – venerdì 11 settembre, ore 19.30 da piazza Canossa a piazza Martiri di Belfiore

Varese – venerdì 11 settembre, ore 18.00 da piazza XX settembre (Politeama) a piazza San Vittore

Liguria

Genova – venerdì 11 settembre, ore 17 Piazza De Ferrari

Piemonte

Torino – venerdì 11 settembre, ore 18.00 dalla Mole Antonelliana (Museo del cinema) a piazza Castello

Veneto

Verona – venerdì 11 settembre, ore 17.30 da piazza S.Toscana (vicino Porta Vescovo) a piazza Isolo

Emilia Romagna

Bologna – venerdì 11 settembre, ore 17.00 da piazza del Nettuno a piazza Roosevelt

Forlì – venerdì 11 settembre, ore 18.00 Piazza Saffi

Parma – venerdì 11 settembre, ore 17.30, con ritrovo a barriera Repubblica, da dove, alle ore 18.00, prenderà avvio la marcia, con il seguente percorso: strada della Repubblica, breve sosta sotto la Prefettura, breve sosta sotto il Comune di Parma. Intorno alle ore 19.00 si prevede l’arrivo in Piazzale della Pace (davanti al palazzo della Provincia), dove, dopo i brevi saluti di Papa Moctar Tall, responsabile Coordinamento Migranti CGIL Parma, e Emilio Rossi, Presidente CIAC Parma, prenderà la parola un rifugiato.

Piacenza – si terrà un’iniziativa promossa dalla Camera del Lavoro territoriale e da diverse organizzazioni e associazioni nel corso della prossima settimana (data in via di definizione).

Reggio Emilia: venerdì 11 settembre, ore 17.00 ritrovo P.le Marconi e partenza per Piazza Martiri 7 Luglio.

Modena – venerdì 11 settembre, ore 17.30 ritrovo tra piazza Roma e piazzale San Domenico; ore 18,00 partenza del corteo per le vie: III Febbraio, Corso Cavour, corso Vittorio Emanuele, via Adeodato Bonasi, Viale Monte Kosika e arrivo nel piazzale Dante Alighieri antistante la stazione FF.SS.

Ferrara – sabato 12 settembre, ore 10.00 Via Saraceno con ritrovo di fronte alla Chiesa di Sant’Antonio Abate. Percorso Via Mazzini, Piazza Trento Trieste, Via Martiri della Libertà, Piazza Duomo.

Ravenna – venerdì 11 settembre, ore 18.00 partenza da porta Adriana, poi il corteo si snoderà per le vie del centro storico fino ad arrivare in piazza del Popolo.

Toscana

Firenze – venerdì 11 settembre, ore 18.00 da P.zza Stazione a P.zza San Giovanni o P.zza Signoria.

Livorno – venerdì 11 settembre, ore 18.00 da piazza della Repubblica al Porto – Molo Mediceo – passando da via Grande.

Umbria

Perugia – venerdì 11 settembre, ore 17.30 piazza Italia

Foligno – venerdì 11 settembre, ore 18.00 Porta Romana

Lazio

Latina – venerdì 11 settembre, ore 17.30 piazza della Libertà

Campania

Napoli – venerdì 11 settembre, ore 17.00 da Via Toledo (Largo Berlinguer – Stazione Metro Linea 1) a Piazza Municipio

Salerno – venerdì 11 settembre, ore 09.30 da Piazza Portanova a Piazza Amendola (sede Prefettura).

Telese Terme (Benevento) – venerdì 11 settembre, ore 16.30

Calabria

Reggio Calabria – venerdì 11 settembre, ore 17.30 dall’Arena dello stretto

Cinquefrondi – venerdì 11 settembre, ore 18.00, piana di Gioia Tauro

Cosenza – venerdì 11 settembre, ore 17.00 piazza XI settembre

Puglia

Bari – giovedì 10 settembre

Andria – venerdì 11 settembre, ore 19.00 piazza Vittorio Emanuele II (Catuma)

Barletta – venerdì 11 settembre, ore 19.30 piazza Caduti in Guerra

Bisceglie – sabato 12 settembre, ore 19.00 piazza Diaz

Sicilia

Palermo – giovedì 10 settembre, ore 19 da piazza Verdi al porto

Catania – venerdì 11 settembre, ore 17 alla Spiaggia libera n.1 della Playa

Share

Leave a Reply