Appalti, quattro arresti a Milano per corruzione. Coinvolti due dipendenti del Comune

Appalti, quattro arresti a Milano per corruzione. Coinvolti due dipendenti del Comune

Arrestati due dipendenti del Comune, un ex dirigente di palazzo Marino, tra il 2006 e il 2011, e il titolare di una società edile con le accuse di associazione per delinquere e corruzione. L’operazione nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Giulia Perrotti e dal pm Luca Poniz. I finanzieri hanno eseguito sequestri di documenti presso il Comune di Milano e l’Aler.  Gli arrestati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione aggravata per fatti commessi tra il 2005 e l’ottobre 2012: si tratta di un presunto scambio di mazzette per l’aggiudicazione di appalti per lavori di manutenzione sia nell’edilizia scolastica, sia nelle case popolari. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal giudice per le indagini preliminari Alfonsa Maria Ferraro su richiesta del pubblico ministero Luca Poniz, è stata eseguita stamani dalla guardia di finanza. Altre dodici persone sono indagate a piede libero e a vario titolo per concorso in corruzione, in turbata libertà degli incanti e degli articoli 216 e 223 del regio decreto 267/1942 che disciplina il fallimento, il concordato preventivo, l’amministrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa, vale a dire bancarotta fraudolenta. Notificati, inoltre, due avvisi di garanzia alle società Consorzio Milanese scarl e Professione Edilizia srl, indagate in qualità di persone giuridiche ai sensi del decreto legislativo 231 del 2001 sulla responsabilità degli enti per i reati commessi dai propri dipendenti. Nell’ambito dell’operazione sono stati eseguiti sequestri di documentazione presso il Comune, l’Aler e le due società.

Share

Leave a Reply