Palestina: morto il padre del piccolo Ali, il bambino di 18 mesi bruciato vivo nella sua casa da estremisti di destra israeliani

Palestina: morto il padre del piccolo Ali, il bambino di 18 mesi bruciato vivo nella sua casa da estremisti di destra israeliani

Il padre di Ali, il bambino palestinese di 18 mesi bruciato vivo in un attacco di fanatici oltranzisti ebrei in Cisgiordania, è morto nella mattinata di sabato per le ferite e le orrende bruciature riportate su tutto il corpo. Si chiamava Saad Dawabsheh. Lo scorso 31 luglio, la loro casa, nel villaggio di Duma nella West Bank, era stata attaccata con bottiglie Molotov da fanatici assassini della destra oltranzista ebraica molto vicina agli interessi espansionisti dei coloni. Restano ancora in ospedale la madre di Ali, gravemente ferita, con ustioni di terzo grado sul 90% del corpo, e il fratello più grande, le cui condizioni sono giudicate gravi ma non tali da mettere in pericolo la vita. Si trattò di un atto condannato da tutto il mondo, e che lo stesso premier israeliano ha giudicato come “terrorismo”. Dopo questo attentato contro una povera famiglia palestinese in Cisgiordania, il governo Netanyahu ha deciso di consentire anche per gli ebrei israeliani sospettati di violenze particolarmente gravi, la cosiddetta detenzione amministrativa, con conseguente uso legittimo della tortura, ammesso che la tortura possa essere legittimata da un atto amministrativo. In realtà, la detenzione amministrativa, con annessa tortura, prima d’ora era usata esclusivamente contro i prigionieri palestinesi accusati di terrorismo. Gli interrogatori, con tortura, e la detenzione dei sospettati israeliani di atti di terrorismo e di violenza contro palestinesi non prevedono processo, né un’ordinanza da parte di un giudice. Netnayahu pensa così di usare un deterrente contro le organizzazioni di estrema destra israeliane, ma il clima nei Territori palestinesi occupati resta teso.

La portavoce dell’ospedale israeliano di Soroka, dove Saad Dawabsheh era stato ricoverato, in terapia intensiva per  i grandi ustionati, ne ha annunciato la morte sabato mattina presto. Il sindaco di Duma, villaggio palestinese ha invece già annunciato funerali “di Stato”, ammesso che la Palestina possa farlo.

Share

Leave a Reply