Canale di Sicilia, ecatombe infinita. Ancora un naufragio, incerto il numero delle vittime. Il gip di Palermo non convalida il fermo di 5 scafisti per omicidio plurimo

Canale di Sicilia, ecatombe infinita. Ancora un naufragio, incerto il numero delle vittime. Il gip di Palermo non convalida il fermo di 5 scafisti per omicidio plurimo

Un altro naufragio sarebbe avvenuto nel pomeriggio al largo della Libia. I circa 50 migranti che erano a bordo di un gommone semiaffondato e che sono stati salvati dagli uomini della Marina Militare, avrebbero infatti raccontato che sull’imbarcazione c’erano almeno un centinaio di persone. Vane finora le ricerche di eventuali dispersi. Il naufragio sarebbe avvenuto ad una quarantina di miglia dalla Libia. Il gommone in difficoltà, in parte già sgonfio, è stato avvistato dall’elicottero di nave Mimbelli, che ha immediatamente lanciato le zattere di salvataggio e ha comunicato la situazione di emergenza. Sul punto segnalato si è diretta a tutta velocità nave Fenice, che in precedenza aveva già effettuato un intervento di soccorso recuperando circa 120 migranti. Una volta raggiunto il gommone, gli uomini della Marina hanno trovato 52 migranti, che sono stati tutti recuperati. E sarebbero stati proprio loro a raccontare che sull’imbarcazione c’erano circa un centinaio di persone.

Sia gli occupanti del gommone sia i migranti soccorsi in mattinata – nessuno in gravi condizioni di salute – sono stati trasferiti su una motovedetta della Guardia Costiera che sta facendo rotta per Lampedusa dove arriverà in nottata. Va detto poi che il gip di Palermo non ha convalidato il fermo per i 5 presunti scafisti accusati di omicidio plurimo aggravato relativo all’ultimo arrivo di migranti a Palermo: a bordo di una unità della Marina militare irlandese giovedì scorso sono sbarcati 367 superstiti, tra cui numerose donne. A bordo anche 26 salme, di cui 3 bambine una delle quali di circa 9 mesi. Il giudice per le indagini preliminari invece ha convalidato l’arresto per l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Share

Leave a Reply