Caso Marò, l’India sospende tutti i procedimenti giudiziari. Girone, resterà in India

Caso Marò, l’India sospende tutti i procedimenti giudiziari. Girone, resterà in India

La Corte suprema indiana ha sospeso tutti i procedimenti giudiziari riguardanti i marò “fino a nuovo ordine” ed ha fissato una nuova udienza per fare il punto sulla situazione il 13 gennaio 2016. La decisione è stata presa a seguito dell’ordinanza emessa il 24 agosto dal Tribunale del mare di Amburgo.

Ora bisognerà attendere i primi giorni del prossimo anno per iniziare a vedere un primo spiraglio per la soluzione della controversia. Secondo le previsioni, infatti, a fine 2015, inizio 2016, ci sarà la costituzione del Collegio della Corte di Giustizia e arbitrato internazionale a l’Aja, l’unica che potrà sbrogliare la matassa politico-giudiziaria. Questo significa che il fuciliere di Marina, Salvatore Girone, a meno di atti di clemenza e disponibilità degli indiani, resterà in quel Paese nei locali della nostra Ambasciata. Il Tribunale del mare, infatti, non è entrato nel merito della vicenda e non ha risposto in nessun modo alla richiesta italiana che chiedeva il rientro in Italia del militare, ha solo disposto lo stop a tutti i procedimenti in corso in attesa della costituzione del tribunale legittimato a prendere queste decisioni.

Share

Leave a Reply