“Preso per il collo e un po’ soffocato”. Incredibile audio del 118 sulla morte del 45enne schizofrenico di Torino

“Preso per il collo e un po’ soffocato”. Incredibile audio del 118 sulla morte del 45enne schizofrenico di Torino

 

Purtroppo quello che sembrava solo una ipotesi sta rivelandosi quasi una certezza. Sono infatti emersi nuovi incredibili particolari sulla morte del 45enne torinese, Andrea Soldi, prelevato da agenti della Polizia Locale per essere sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio e deceduto il 5 agosto. In una conversazione acquisita dai Nas dei Carabinieri tra la centrale operativa del 118 e l’ambulanza intervenuta in piazza Umbria, uno dei soccorritori descriverebbe l’intervento “un po’ invasivo, nel senso che l’hanno preso per il collo e l’hanno un po’ soffocato”. L’infermiere, o barelliere avrebbe poi ricevuto l’ordine l’uomo nell’ambulanza “ma siccome aveva le manette ed era a pancia in giù non volevo farlo, ma mi hanno ordinato di metterlo così”. Si tratta di elementi decisamente importati per la Procura di Torino che in queste ore ha deciso per l’audizione di decine di persone, testimoni di quanto accaduto. Il pm Raffaele Guariniello ha già iscritto nel registro degli indagati tre vigili urbani e un medico psichiatra. Andrea Soldi, che nel quartiere dove era residente veniva definito il gigante buono, 45 anni e 150 chili di peso, è morto mercoledì. Affetto da una forma di schizofrenia, spesso se ne stava seduto su una panchina di piazza Umbria, senza dare fastidio a nessuno, ma quel pomeriggio era molto agitato e il Centro di salute mentale Asl 2 aveva chiesto l’intervento della polizia municipale. Secondo alcuni testimoni uno degli agenti, per costringere Soldi a salire in ambulanza, lo avrebbe afferrato alle spalle, per il collo, per poi essere caricato in ambulanza in una posizione, almeno secondo le testimonianze raccolte, decisamente anomala. L’uomo, arrivato in ospedale era già in arresto respiratorio ed a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione. Ora il reato ipotizzato è l’omicidio colposo.

 

Share

Leave a Reply