Protocollo sulla qualità di Servizi tra Roma Capitale e Associazioni dei Consumatori

Protocollo sulla qualità di Servizi tra Roma Capitale e Associazioni dei Consumatori

Istituire un tavolo permanente di consultazione tra Roma Capitale e le associazioni dei consumatori riconosciute dalla normativa vigente in materia di qualità, monitoraggio e certificazione dei servizi erogati dal Comune e dalle sue società partecipate. E’ quanto prevede il protocollo sottoscritto oggi tra il Campidoglio, le associazioni dei consumatori (Adusbef, Adiconsum Lazio, Adoc Roma e Lazio, Federconsumatori Lazio, Lega Consumatori Lazio, Cittadinanzattiva Lazio onlus, Confconsumatori Lazio, Altroconsumo, Asso-Consum, Movimento Consumatori, Acu-Associazione Consumatori Utenti) e l’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali, recepito da una delibera di giunta dello scorso 13 marzo. Il protocollo d’intesa è finalizzato a promuovere il dialogo e il confronto su tutte le problematiche legate all’erogazione dei servizi pubblici locali, riconoscendo reciprocamente le rispettive sfere di autonomia e le connesse responsabilità giuridiche e politiche. A sottoscrivere il documento il sindaco di Roma Capitale, Ignazio Marino, insieme al presidente dell’Assemblea capitolina, Valeria Baglio, e alle associazioni. “Il protocollo è importante per me come sindaco – ha detto Marino – per la Giunta e per la città. Crediamo che la trasparenza sia un elemento centrale in ogni città e sono convinto che quando c’è, tanti fenomeni che abbiamo dovuto affrontare con severità, rigore e angoscia scompaiono. Un mezzo di prevenzione degli illeciti straordinario per un’amministrazione che ha come unica ambizione quella di cambiare la cultura amministrativa della città in questa direzione e al di là delle ideologie, perché la trasparenza è un valore per tutti. Su questo non dividiamoci, lavoriamo insieme sull’utilizzo più serio e rigoroso possibile del denaro pubblico”. “Sono convinta – ha aggiunto Baglio – che dal dialogo e dal confronto possa nascere una sinergia strategica per migliorare la qualità dei servizi e quindi la qualità della vita dei cittadini romani”. In particolare, il tavolo di confronto si occuperà della definizione dei principi generali in materia di: contratti di servizio, carte dei servizi e analisi e adeguamento dei parametri qualitativi e quantitativi individuati, indicatori e standard di qualità e quantità relativi alle prestazioni e ai servizi erogati, accesso alle informazioni, monitoraggio della soddisfazione dei cittadini e verifica dell’efficacia delle azioni correttive, procedure di reclamo, di conciliazione paritetica stragiudiziaria, di ristoro dell’utenza in forma specifica. Il tavolo sarà presieduto e coordinato dal sindaco o da un suo delegato e vedrà la partecipazione delle associazioni di consumatori e di qualificati rappresentanti dell’Agenzia e potrà organizzarsi in gruppi di lavoro per singoli settori. Il protocollo ha la durata di tre anni dalla firma e si intende tacitamente rinnovato se le parti non vogliono modificarlo alla scadenza e i risultati dell’attività dovranno essere pubblicizzati il 31 maggio di ciascun anno.

Share

Leave a Reply