La Procura di Genova indaga la candidata Pd alla Regione Liguria per l’alluvione del 2014

La Procura di Genova indaga la candidata Pd alla Regione Liguria per l’alluvione del 2014

La notizia è di quelle che scatenerà il solito dibattito sugli interventi della magistratura a poche settimane da qualunque prova elettorale. La Procura di Genova ha infatti deciso di iscrivere nel registro degli indagati Raffaella Paita, la candidata del Pd alla presidenza della regione Liguria. I fatti risalgono a quando la Paita era assessore alla Protezione Civile nella giunta guidata da Claudio Burlando. L’accusa dei magistrati inquirenti nei confronti di Paita riguarda la mancata allerta, che era di responsabilità della Regione Liguria, dell’alluvione del 2014, nonostante le previsioni meteo che annunciavano fortissime precipitazioni. La Protezione Civile ligure guidata dall’assessore Paita rimase chiusa dalle 18 a mezzanotte di quell’indimenticabile 9 ottobre del 2014, quando il torrente Entella esondò alla foce, e a Montoggio esondò il Carpi. L’acqua, in poche ore raggiunse i primi piani delle case. Nella città di Genova, alle 23 circa esondò il Bisagno, invadendo le strade. Le acque del Bisagno raggiunsero il metro e ottanta di altezza.

Share

Leave a Reply