Di Cola (Fp Cgil Roma e Lazio): “Sul salario accessorio basta speculazioni ed attese”

Di Cola (Fp Cgil Roma e Lazio): “Sul salario accessorio basta speculazioni ed attese”

Sul Salario accessorio dei dipendenti di Roma Capitale, da registrare nella giornata di lunedì, la presa di posizione del Segretario generale della Funzione Pubblica Cgil, di Roma e del Lazio, Natale Di Cola, che denuncia speculazioni ed attese sulle spalle di migliaia di lavoratori che restano in attesa di una soluzione. “In queste – ore fa sapere Di Cola – sta avvenendo tutto quello che avevamo annunciato durante la campagna referendaria per la sottoscrizione della pre-intesa. Mentre noi illustravamo le soluzioni praticabili convenute, che superavano i rilievi del MEF e l’atto unilaterale, altri raccontavano bugie, incuranti delle conseguenze che ci sarebbero state sulle condizioni di lavoro e sulle buste paga dei dipendenti capitolini. Noi, coerentemente con l’impegno preso con i lavoratori e le lavoratrici di Roma Capitale, anche se consci delle conseguenze, prendendo atto dell’esito del referendum, abbiamo ritirato la firma dalla pre-intesa”.Poi Di Cola denuncia lo stillicidio di attese, senza che a queste seguisse una soluzione concertata. “Abbiamo atteso che il fronte del NO al referendum producesse proposte credibili per riaprire il tavolo. Abbiamo atteso che l’amministrazione ci convocasse per riaprire il confronto. Abbiamo atteso che la Commissione istituita dal Governo per risolvere i problemi delle contrattazioni decentrate integrative dei Comuni emanasse direttiveNon possiamo attendere oltre. Gli effetti devastanti dell’applicazione dell’atto unilaterale si sentono tutti: salari ridotti, condizioni di lavoro insopportabili, disagi ai cittadini per servizi scadenti. Ogni giorno che passa produce danni. Le responsabilità di ognuno sono sotto gli occhi di tutti. Ancora una volta spetta a noi risolvere i problemi, per non lasciare soli i lavoratori e le lavoratrici”. Poi la sollecitazione, l’ennesima, all’Amministrazione Marino: “L’amministrazione convochi immediatamente un tavolo. Noi ci saremo, come sempre, per trovare soluzioni immediate, utili ad evitare l’ulteriore decadenza dei servizi e l’esasperazione dei dipendenti di Roma Capitale”.

Share

Leave a Reply