#unite4heritage: l’Unesco contro la follia distruttrice e la “pulizia culturale” dell’Isis

#unite4heritage: l’Unesco contro la follia distruttrice e la “pulizia culturale” dell’Isis

All’Università di Bagdad, la direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, ha lanciato la campagna mondiale #unite4heritage, uniti per il patrimonio culturale messo in pericolo dalle folli devastazioni dei militanti dell’Isis, soprattutto nell’Iraq, la culla della civiltà. “Oggi vogliamo inviare un messaggio chiaro”, ha detto la direttrice Bokova nel corso di una conferenza stampa, “non accettiamo alcuna pulizia culturale e formeremo un fronte unito per porvi termine”.

All’origine del progetto di salvaguardia mondiale dei siti archeologici e dei musei tra i più straordinari e interessanti al mondo, sono stati proprio gli studenti dell’Università di Bagdad. I giovani intendono protestare contro i video e gli annunci di distruzione del museo di Mossul, della città storica di Nimrod e del sito del patrimonio dell’umanità di Hatra. “In Iraq e in tutta la regione”, ha proseguito la Bokova, “gli estremisti violenti orchestrano una disastrosa campagna di pulizia culturale. Cercano di dividere le società, di seminare odio, di imporre le loro visioni settarie di violenza e oppressione. Diffondono questa visione ovunque nel mondo utilizzando i media, soprattutto le reti sociali, per conquistare i giovani. Dobbiamo rispondere assieme, mostrando che lo scambio e il dialogo tra le culture sono i motori della storia. Dobbiamo rispondere mostrando che la diversità culturale è sempre stata e lo è ancora oggi una forza per tutte le società. Dobbiamo rispondere rifiutando la differenza tra il ‘noi’ e ‘loro’. Dobbiamo rispondere proclamando il nostro patrimonio culturale come bene comune di tutta l’umanità”.

Il ministro iracheno del Turismo e del patrimonio archeologico, Adel Fahad Shershab, il ministro dell’Istruzione superiore e della ricerca scientifica, Hussain al-Shahristani, insieme col Rettore dell’Università di Bagdad e il decano dell’Accademia delle Belle Arti hanno lanciato un appello alla mobilitazione e all’azione mondiale per la salvaguardia del patrimonio storico, culturale e archeologico dell’Iraq. #unite4heritage invita tutti, soprattutto i giovani della regione araba, a inviare foto e a scrivere testi a proposito dei siti ai quali sono interessati. Possono inviare “selfie” con l’hashtag della campagna, per illustrare il concetto di unità del patrimonio culturale e della sua importanza nella vita quotidiana. E sono già moltissimi gli internauti che hanno pubblicato su twitter i loro messaggi di sostegno all’iniziativa dell’Unesco.

Share

Leave a Reply