Rientrate in Italia le salme di 4 connazionali trucidati in Tunisia

Rientrate in Italia le salme di 4 connazionali trucidati in Tunisia

Il Boeing 767 dell’Aeronautica Militare italiana ha riportato a casa le salme di Orazio Conte, Giuseppina Biella, Francesco Caldara e Antonella Sesino, i quattro nostri connazionali trucidati nell’attacco dell’Isis al Museo del Bardo di Tunisi Ad attendere le vittime del criminale attentato il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. A bordo del velivolo, arrivato nello scalo aeroportuale di Ciampino, anche alcuni parenti dei nostri connazionali. I corpi sono stati immediatamente portati all’Istituto di medicina legale della Capitale, dove, su ordine della Procura di Roma, saranno eseguite le autopsie. La magistratura capitolina ha infatti aperto un fascicolo d’inchiesta per strage con finalità di terrorismo. E mentre i nostri sfortunati connazionali rientravano in Italia, il ministero degli Interni ha inviato a tutte le Questure ed ai Comandi di tutte le Forze di Polizia, una circolare in cui si tiene conto della possibilità, dopo l’attentato di Tunisi, che anche in Italia possano esserci azioni emulative ed allora “si invitano gli organismi di sicurezza ad estendere e rafforzare la vigilanza alle sedi diplomatiche ed a tutti gli obiettivi considerati a rischio.

Share

Leave a Reply