Felice Casson sarà il candidato sindaco di Venezia. Contro ogni previsione e contro l’indicazione della segreteria Pd

Felice Casson sarà il candidato sindaco di Venezia. Contro ogni previsione e contro l’indicazione della segreteria Pd

Complimenti davvero a Felice Casson, che ha vinto le primarie del centrosinistra per l’elezione del sindaco a Venezia. Nel momento in cui scriviamo è clamorosamente e nettamente in testa, con oltre 7.000 voti e il 55%, mentre il secondo, Nicola Pellicani, non ha raggiunto nemmeno il 25%, e il terzo, Jacopo Molina, ha ottenuto poco meno del 20%. Come si vede, i veneziani hanno risposto alla chiamata delle primarie in modo del tutto autonomo rispetto alle indicazioni della maggioranza del Partito democratico. Ricordiamo qui che Felice Casson fa parte della minoranza del partito, molto vicino alle posizioni di Giuseppe Civati, e dunque sostanzialmente inviso al segretario Renzi e al suo entourage. Anzi, da Roma era giunto il sostegno ad entrambi i suoi avversari, pur di non far votare Casson. Come è ormai noto, Venezia è commissariata da molti mesi, da quando il sindaco Orsoni è stato costretto a dimettersi per il suo coinvolgimento nello scandalo delle tangenti del Mose. Il prossimo 31 maggio, sarà dunque Felice Casson a sfidare il centrodestra nelle elezioni comunali.

La prima reazione a caldo di Casson è stata sobria, ma politicamente significativa: “con il centrosinistra unito”, ha scritto in un tweet, “non c’è spazio per il centrodestra in città”. Il risultato delle primarie, secondo Casson, “è stato buono per ampiezza e omogeneità tra le varie zone”. Ed è ovvio il suo urgente richiamo a mettersi immediatamente a lavorare per la città, che è “in una situazione complicata, per le conseguenze dell’inchiesta Mose e il pesante buco di bilancio. Bisogna ripartire”.

Nato a Chioggia il 5 agosto del 1953, Felice Casson è un magistrato di Cassazione attualmente “prestato alla politica”, come si suole dire. Eletto senatore per la terza volta in Veneto, è membro della Giunta delle elezioni e delle immunità e vicepresidente della Commissione Giustizia.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.