Intervento chirurgico per il Fuciliere Latorre

Intervento chirurgico per il Fuciliere Latorre

Massimiliano Latorre, il Fuciliere di Marina, che resta coinvolto nella convulsa e spinosa controversia tra Italia ed India, sulla morte di due pescatori indiani, è stato sottoposto, nella giornata di lunedì, ad un intervento chirurgico, finalizzato al contenimento di una anomalia cardiaca. Latorre, era stato colto da grave ischemia nei mesi scorsi e malgrado la patologia, l’India aveva fatto richiesta al nostro Paese, per un pronto rientro del militare, dopo il breve periodo di convalescenza ‘concesso’ dalle autorità indiane. Latorre, come si legge in un bollettino medico diffuso dall’Istituto di Cura e Ricovero a Carattere scientifico alle porte di Milano che lo ha in cura, definisce positivo il decorso post-operatorio, affermando che “la decisione di sottoporre il paziente a tale procedura è stata presa dopo che gli accertamenti diagnostici eseguiti in precedenza non hanno identificato fattori di rischio ricollegabili all’evento ischemico subìto dal paziente, se non appunto la presenza del forame ovale pervio. Il forame ovale pervio è un’anomalia cardiaca in cui l’atrio destro comunica con l’atrio sinistro, a causa della pervietà del forame ovale, permettendo così il passaggio di una quantità più o meno rilevante di sangue dall’atrio destro all’atrio sinistro. Tale anomalia è diffusa in una percentuale tra il 15 e il 30% della popolazione normale, senza necessariamente determinare conseguenze clinicamente rilevanti. Tuttavia – prosegue la nota tecnica – lo shunt (passaggio di sangue) destro-sinistro può essere fonte di “embolia paradossa: un trombo presente in atrio destro può cioè passare in atrio sinistro ed entrare nella circolazione sistemica. Se tale trombo, anche di piccole dimensioni, entra in un’arteria cerebrale può occluderla causando un’ischemia cerebrale più o meno grave”. Malgrado tutto questo, Latorre ha deciso, se non ci saranno problemi, di affrontare il viaggio e tornare in India, rispettando le richieste delle autorità indiane. Ci auguriamo, e questo è il nostro unico commento sulla vicenda, che l’impegno del nostro Governo sia conseguente alla gravità di quanto sta accadendo e accadrà nelle prossime settimane.

Share

Leave a Reply