Civitavecchia, Cgil a difesa delle Compagnie portuali

Civitavecchia, Cgil a difesa delle Compagnie portuali

“La Filt Cgil e la Cgil Roma Nord Civitavecchia, pure alla luce dei parziali positivi sviluppi connessi allo stop del decreto del ministero dello Sviluppo Economico sulla concorrenza (che non sarà votato, come sembrava dovesse essere dal Consiglio dei Ministri con carattere di urgenza e che all’articolo 20 con due righe prevede “l’abrogazione” dell’articolo 17 della L. 84-94) mantengono alta la guardia e sono al fianco e pronte a sostenere tutte le eventuali iniziative in difesa delle Compagnie Portuali. Siamo di fronte a un tentativo che descrive, come per il job act, il furore ideologico di un Governo proteso in una linea di demolizione dei diritti, di precarizzazione del lavoro, di distruzione di tutte le esperienze basate su valori solidaristici e partecipativi. La più che centenaria storia della Compagnia Portuale di Civitavecchia, in particolare, è fortemente intrecciata con quella della Camera del Lavoro. Una storia segnata da grandi lotte per il lavoro, i diritti, l’emancipazione della classe, la riconquista e la difesa della democrazia, la solidarietà, l’uguaglianza e la giustizia sociale. Senza voler fare dei parallelismi storici, vale la pena ricordare che fu il fascismo a decretare la chiusura delle Camere del Lavoro e lo scioglimento delle Compagnie Portuali, individuando nell’una e nell’altra esperienza un ostacolo al pieno affermarsi della dittatura.

Nel caso di specie è da sottolineare anche l’operato quanto meno sciatto del Governo, segnato da azioni dei vari ministeri che intervengono sulla stessa materia senza dialogare tra loro. Infatti mentre il ministero dello Sviluppo Economico inserisce una serie di articoli devastanti sulla portualità, risulta che il ministero dei Trasporti stia definendo un documento complessivo di riforma della Legge 84-94. Vigileremo sugli sviluppi di questa grave e grottesca vicenda, saremo insieme alla Compagnia Portuale di Civitavecchia in difesa del lavoro, dei diritti, di valori solidaristici e partecipativi fondamentali e indisponibili”. Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma nord e Civitavecchia ‎Cesare Caiazza e il segretario generale della Filt Cgil di Roma nord e Civitavecchia Alessandro Borgioni.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.