Disastro del Norman, bilancio drammatico. Tra le vittime tre italiani

Disastro del Norman, bilancio drammatico. Tra le vittime tre italiani

La nave ‘maledetta’ stronca la vita anche a due marittimi albanesi che lavoravano alla messa in sicurezza su un rimorchiatore

Sarebbero tre, forse quattro, gli italiani morti nel disastro del Norman Atlantic. Si tratta di tre autotrasportatori già identificati dai familiari e di un quarto che era probabilmente a bordo, ma che non figura tra le vittime i cui corpi sono stati già recuperati. Ieri la prima conferenza stampa del Procuratore della Repubblica di Bari, Giuseppe Volpe. Sarà proprio questa Procura, infatti, ad avocare a se le tre inchieste già aperte da altri Uffici di Giustizia. Purtroppo, il Norman Atlantic, che non ha una storia felice, continua, anche dopo la fine dell’emergenza a mietere vittime. Uno dei rimorchiatori albanesi, impegnati insieme a quelli italiani nelle operazioni di messa in sicurezza del traghetto, ha avuto un grave incidente: i cavi che dovevano servire per il traino si sono spezzati e tre marinai albanesi sono stati centrati in pieno, due di loro sono morti sul colpo, mentre un terzo è in gravissime condizioni. Tornando alle notizie diffuse dal Procuratore di Bari Giuseppe Volpe, non si esclude che le vittime possano superare e di molto il numero raggiunto e ufficializzato nella serata di lunedì. Secondo il Procuratore visto che sono stati trovati a bordo dei clandestini (due cittadini afghani ndr) sarebbe ipotizzabile che alla fine delle operazioni di spegnimento della nave la verità possa rivelarsi diversa e ben più drammatica. I numeri delle vittime, infatti sono più che ballerini, visto che le Liste dei passeggeri a bordo (Greca ed italiana ndr), non coincidono. Secondo notizie diffuse dall’autorevole e ben informato quotidiano greco To Vima, le vittime del disastro potrebbero essere più di quaranta. Infine, va detto, che il Procuratore di Baria ha disposto il sequestro della nave, affidando al personale dei nostri rimorchiatori al seguito, il compito della custodia. Confermata la notizia dell’iscrizione sul registro degli indagati sia del Comandante che dell’Armatore della Norman Atlantic. Questo, si è detto in Procura, è un atto dovuto. Quanto, infine, ai profughi, le condizioni avverse del tempo, nevica in tutta o quasi la Puglia, stanno ritardando il rientro in Italia delle navi che li hanno a bordo, tra queste un mercantile maltese e la nave della Marina Militare San Giorgio, che dovrebbe raggiungere la Puglia nella serata con il suo carico di 180 sopravvissuti.

Share

Leave a Reply