Bindi, dopo le polemiche, assolve il Sindaco di Roma Marino

Bindi, dopo le polemiche, assolve il Sindaco di Roma Marino
In merito all’inchiesta Mafia capitale, “io non dubito affatto del buon operato e delle buone intenzioni del sindaco di Roma che d’altra parte risulta completamente estraneo a questa inchiesta. Però indubbiamente il fatto che ci siano stati esponenti politici anche di questa fase amministrativa, coinvolti con il reato di corruzione, all’interno della stessa inchiesta domanda a tutti di guardare seriamente dentro l’amministrazione”. Così, il presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi, intervistata da RomaUno tv. “Nessuna polemica con il sindaco – ha tenuto a sottolineare Bindi – ma una commissione d’inchiesta sarà un contributo a fare chiarezza”.
Bindi ha poi fatto presente “non abbiamo nessun motivo di dubitare sulla cifra di legalità di Marino: l’abbiamo spronato in questo senso e dobbiamo dire che è stato disponibile e ci fornirà tutti i dati affinché noi faremo la nostra inchiesta”. In merito all’inchiesta Mafia Capitale e all’indagine che la commissione Antimafia ha intenzione di portare avanti, “è doveroso farla, la faremo anche chiamando l’ex sindaco Alemanno e verificheremo se dovremo risalire alle amministrazioni precedenti. Non vogliamo porre dei limiti, anche perché la nostra è un’inchiesta diversa da quella della magistratura. Marino è anche del mio partito. Credo che debba essere apprezzato che la presidente della commissione Antimafia, a prescindere dalle appartenenze politiche, svolga il proprio lavoro all’insegna di quella che è la missione dell’istituzione che presiede. Mi interessa che il sindaco Marino faccia bene, come sarei interessata che facesse bene qualsiasi sindaco”, ha concluso.
Share

Leave a Reply