Il Movimento 5 Stelle denuncia il Patto del Nazareno

Il Movimento 5 Stelle denuncia il Patto del Nazareno

Il Movimento cinquestelle ha portato in Procura, a Roma, il Patto del Nazareno. Si tratta di una vera e propria denuncia che ha portato all’apertura di un fascicolo, che non ha, ad oggi, alcuna ipotesi di reato, né indagati. L’azione legale è stata predisposta del deputato pentastellato, Adrea Colletti, che chiede se “il Patto sia stato effettivamente preordinato a pilotare illegittimamente le riforme in atto nel Paese e a decidere chi nominare come futuro inquilino del Colle”. Il parlamentare grillino annuncia la sua iniziativa sia sul suo profilo twitter che su quello facebook annunciando entusiasta della sua iniziativa: “Facciamo scricchiolare ancor di più il patto del Nazareno!” Ma Colletti va oltre e pubblica anche l’esposto, oltre 30 pagine di accuse e ipotesi di reato in cui si dice: “I contorni di tale Patto (del Nazareno) sono alquanto fumosi giacché ignoto ne è il contenuto, ignoti ne sono i sottoscrittori, oltre a coloro già citati (Renzi e Berlusconi, ndr), ed ignoti ne sono i garanti”. Poi il il passaggio sulla Presidenza della Repubblica: “Il patto del Nazareno conterrebbe anche linee guida per la nomina del futuro presidente della Repubblica o comunque indicazioni di un vero e proprio veto sulla candidatura di Romano Prodi alla successione a Giorgio Napolitano che è tornata al centro della discussione e potrebbe secondo alcuni concretizzarsi entro luglio 2015”. La richiesta del parlamentare è fulminante giuridicamente: “Accertare se i fatti descritti in premessa siano corrispondenti al vero e, in caso affermativo, se siano stati integrati dei reati penali e a chi sia imputabile la responsabilità degli stessi”. Altre carte nella già affollata Procura di Roma.

Share

Leave a Reply