Le crisi nel settore dell’edilizia

Le crisi nel settore dell’edilizia

Rovigo. Ilcea, gli operai vanno dal prefetto per non perdere il posto di lavoro

Dopo Palazzo Celio, sarà  quello della prefettura ad accogliere, domani, i dipendenti dell’Ilcea. Ottenuta la cassa integrazione fino a fine 2014, la preoccupazione è per il futuro. Cosa succederà  il prossimo anno ai 57 lavoratori dell’azienda che produce manufatti in cemento armato? È da luglio che i dipendenti sono in stato di agitazione, con presìdi di fronte all’azienda, scioperi e manifestazioni davanti alla Provincia e alla prefettura…

Fonte: Il Gazzettino di Rovigo

Castrovillari. Intimidazione all’Italcementi: pistola giocattolo nella bacheca sindacale

Atto intimidatorio nei confronti dei lavoratori e delle sigle sindacali dello stabilimento Italcementi di Castrovillari. Un pistola giocattolo e un biglietto con la scritta “Attenzione a qualcuno” sono stati trovati, infatti, nella bacheca delle organizzazioni sindacali dell’opificio della città del Pollino. E’ quanto hanno denunciato formalmente  Cgil e Fillea  alla Procura della Repubblica del Tribunale di Castrovillari e al Commissariato della Polizia di Stato sempre della città  del Pollino e, per conoscenza, al Prefetto di Cosenza.

Fonte: Il Quotidiano del Sud

Carrara. Seicento metri di strada per non far morire 17 segherie del marmo

Ci sono voluti alcuni giorni di trattativa e un presidio con decine di lavoratori ma alla fine, gli imprenditori alluvionati di via Argine Destro, sono riusciti a ottenere quello che volevano: una strada di “servizio” che permetta di raggiungere le sedi delle loro aziende e riprendere l’attività , in attesa che la vecchia viabilità , quella sprofondata sotto la sponda crollata, venga ripristinata e che, magari nel frattempo, si proceda anche al controllo della stabilità  dell’argine
sopravvissuto alla piena di mercoledì mattina.

Fonte: Il Tirreno edizione Massa

Ferrara. Fornace di Filo: i sindacati impugnano i licenziamenti

La notizia è emersa al termine di una assemblea dei lavoratori che in fabbrica hanno condiviso le tesi dei dirigenti regionali dei sindacati: Fillea-Cgil, Fenel-Cisl, Filca-Uil ed Rsu. Spiega la “In una serie di confronti con avvocati, commissari e curatori fallimentari, si è convenuto sull’esistenza di tutte le condizioni necessarie per attingere ancora dal fondo ammortizzatori sociali, e chiedere altri sei mesi di cassa integrazione straordinaria, scaduta il 9 ottobre scorso. Cosa che invece il liquidatore, che fa capo alla società  ‘La Vela’ di Brescia, non
ha mai accettato”.

Fonte: Il Resto del Carlino edizione Ferrara

Alloggi lager per Frontalieri. Fillea Basilicata: indietro di 50 anni

“La crisi morde tutti e ci riporta indietro di 50 anni”. Enzo Iacovino, segretario generale della Fillea Cgil, parla del caso del capannone lager a Germignaga (Varese) dove vivevano dodici operai di Francavilla, che facevano i frontalieri in Svizzera per un imprenditore, V P., 48 anni, anche lui di Francavilla, che aveva fittato il capannone trasformandolo in un piccolo ostello abusivo. L’imprenditore ha già  rilasciato spontanee dichiarazioni sostenendo che gli operai, in tutto 17 (insieme ai 12 lucani c’erano anche tre romeni, un polacco e uno svizzero) erano tutti regolari. Sull’inchiesta c’è uno stretto riserbo da parte degli investigatori. Al momento V. P. non è indagato perché il “nero” e gli eventuali lavoratori irregolari sono illeciti amministrativi. Ma la Guardia di finanza di Luino sta facendo ulteriori accertamenti su conti e bilanci della ditta.

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Share

Leave a Reply