Emergenza meteo, il problema di fondo resta la prevenzione

Emergenza meteo, il problema di fondo resta la prevenzione

Sul problema attualissimo della “emergenza meteo” il dr Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (ANBI), ha affermato – a margine di un recente incontro tra Giunta provinciale di Trento e Consorzio Trentino di bonifica – che: “ Fermo restando la verifica di eventuale responsabilità, concentrare l’attenzione mediatica sulle eventuali carenze della Protezione Civile è come guardare il dito, mentre indica la luna.” “La Protezione Civile – prosegue Gargano – ha, per scopo, il soccorso post evento, il vero problema resta invece la prevenzione, in merito alla quale permangono problemi di fondo come le lentezze degli iter burocratici causa di oltre due miliardi di euro, destinati ad interventi mai realizzati, ma anche  un crescente abbandono del territorio, che in assenza di chiari interventi normativi, porterà, dal 1990 al 2016, alla perdita del 17,5% della Superficie Agricola Utile, pari cioè alla superficie delle regioni Sicilia e Sardegna.” Il Dr Gargano sottolinea, inoltre, che “ I cambiamenti climatici e l’estremizzazione degli eventi atmosferici sono a dimostrare la necessità di un nuovo modello di sviluppo, che ponga il territorio al centro e per il quale serve una rinnovata collaborazione tra Enti Locali e Consorzi di bonifica. Il nostro Piano per la Riduzione del Rischio idrogeologico – conclude Gargano – è un utile base di partenza”.

Share

Leave a Reply