Cortei, nuove regole per evitare gli scontri

Cortei, nuove regole per evitare gli scontri

Evitare il contatto diretto tra le forze dell’ordine e i manifestanti, affinché diventi solo “l’extrema ratio” e non il primo e unico rimedio. È questo il punto cardine al vaglio del Viminale e riportato dal Corriere della Sera intorno cui far ruotare nuove regole per la polizia e tutelare al meglio tanto l’incolumità dei cittadini tanto quella degli agenti chiamati a garantirne la sicurezza. Nuovi provvedimenti si sono resi necessari soprattutto dopo gli incresciosi fatti avvenuti in piazza dell’Indipendenza a Roma subiti dagli opera dell’Ast di Terni, caricati dalla polizia. Giovedì i sindacati sono stati convocati al ministero dell’Interno per un confronto sul tema: la revisione del regolamento prevede di lasciare ai manifestanti “l’area di rispetto”, ossia una certa distanza dalle forze dell’ordine, proprio per scongiurare ogni possibile contatto tanto dannoso quanto inutile. Nella stessa direzione va il provvedimento per scoraggiare gli attacchi dei manifestanti e le conseguenti cariche (anche nell’ordine inverso), come l’uso degli idranti per disperdere la folla. Sarà importante, inoltre, fare un’analisi preventiva efficace delle persone che vogliono scendere in piazza, distinguendo i violenti da chi vuole solamente far valere i propri diritti. Si attendono, dunque, le valutazioni dei sindacati dopo l’incontro di giovedì.

Share

Leave a Reply