Cianciacagnocchi: un comico affresco della Roma papalina

Cianciacagnocchi: un comico affresco della Roma papalina
Al via dal 4 al 7 dicembre, al Teatro Ambra Garbatella di Roma, “Ciancicagnocchi”: uno spettacolo scritto e diretto da Gabriele Mazzucco, un comico e dissacrante affresco della Roma papalina all’epoca della Repubblica Romana del 1849.  Dopo aver scoperto di essere l’erede sconosciuto del Conte Olimpio Torre del Giglio, Gigi, ladro e fannullone, interpretato da Valerio de Angelis, cresciuto per le vie di Trastevere, chiamato “Ciancicagnocchi” per via della sua balbuzie, farà di tutto per farsi riconoscere quanto dovutogli dal ricco e potente nonno. Ciancicagnocchi è un affresco dal ritmo narrativo serrato, con un impianto originale e allo stesso tempo fortemente legato alla tradizione del genere. Tra risate, colpi di scena, cenni storici e battute in romanesco, lo spettacolo racconta la storia di un uomo qualunque, in un’epoca dai grandi tumulti politici e sociali. “Ciancicagnocchi” si muove tra volgo e santità, speranze e illusioni nella quotidiana lotta per la sopravvivenza.
Augustarello, Annarella, Magnacarne, Mario Castellani e Righetto, uniranno i loro sforzi, motivati da sentimenti diversi ma convergenti, per fargli ottenere la vita ricca ed agiata fin lì desiderata che, ben presto, si rivelerà strettamente legata alle sorti della rivolta guidata dal Triumvirato composto da Mazzini, Saffi ed Armellini.
Dopo il grande successo de  “ La Storia di mezzo”, il teatro di Gabriele Mazzucco torna all’Ambra alla Garbatella.
Nel cast: oltre a Valerio De Angelis, Andrea Alesio, Chiara Fiorelli, Federica Orrù, Paola Raciti, Claudio Fabi, Alfonso Federici, Gianluca Foti, Franco Fraschetti,  Mauro Mammarella.
Share

Leave a Reply