Astana, ancora un caso doping. Nibali infuriato

Astana, ancora un caso doping. Nibali infuriato

Viktor Okishev. Fino a poche ore fa, questo nome di un corridore kazako ventenne dell’Astana Continental Team era praticamente sconosciuto al 99,9% della popolazione terrestre, e purtroppo ha conquistato le luci della ribalta a causa della positività a uno steroide anabolizzante riscontrata dall’Unione Ciclistica Internazionale durante i Campionati asiatici. La notizia, forse di per sé poco rilevante, assume invece tutto un altro profilo se si considera che quello di Okishev è il quarto caso di doping, nel giro di poche settimane, all’interno del team kazako, dopo quelli di Maxim e Valentin Iglinskiy (positivi all’Epo) dell’Astana Pro Team, e di Ilya Davidenok, 22 anni, suo compagno di squadra nel Team Continental, anch’egli trovato positivo a uno steroide anabolizzante. Come si apprende dal comunicato apparso sul sito della formazione, “Tutti gli atleti e lo staff dell’Astana Continental Team sono scioccati e delusi dalla notizia giunta dall’Uci”. L’atleta è stato poi sospeso temporaneamente e potrà richiedere le controanalisi per chiarire eventualmente la spiacevole vicenda, mentre il Team ha avviato indagini immediate al fine di stabilire “una visione d’insieme sui fatti e sulle possibili spiegazioni”.

Nessuna generalizzazione

L’errore da non commettere, ora, è quello di generalizzare ed equiparare il comportamento di questi quattro atleti con le consuetudini interne al Team Astana, in cui, lo ricordiamo, militano tra gli altri i nostri Vincenzo Nibali e Fabio Aru, il primo vincitore del Tour de France 2014, il secondo giovane promessa sarda per le grandi corse a tappe, già terzo quest’anno al Giro d’Italia e quinto alla Vuelta a España. Nibali ha dichiarato senza mezzi termini che il comportamento di “quattro imbecilli” non c’entra nulla con lui e con il resto della squadra: “Io mi auguro che li becchino tutti i dopati. Se ne prendono altri dieci, io sono contento. Chi ipotizza il doping di squadra è fuori strada. Toglierci la licenza sarebbe sbagliato”. Già, perché il vero problema dell’Astanta, oltre alla decisione che prenderanno gli sponsor nel futuro a breve termine, riguarda proprio la concessione della licenza World Tour, che permette alle formazioni di accedere automaticamente alle corse più importanti del panorama ciclistico internazionale. Il 6 novembre Alexander Vinokourov è stato interrogato dalla Commissione Licenze dell’Uci. Dall’incontro è emerso che la squadra sta intensificando il suo programma di test interni e le sue posizioni contro il doping. L’Astana dovrà essere in grado, ora, di dimostrare la sua estraneità in questi casi di doping, altrimenti l’Uci potrebbe non concedergli la licenza 2015.

Share

Leave a Reply