Ancora maltempo, Carrara in ginocchio

Ancora maltempo, Carrara in ginocchio

Ancora danni causati dal maltempo in Toscana. Nella notte, particolarmente colpita la provincia di Massa e Carrara, dove sono esondati i torrenti Carrione e Parmignola, causando allagamenti e frane, con falle negli argini di oltre 120 metri. Alcune famiglie sono state evacuate, mentre la Protezione Civile invitava i cittadini a non uscire con l’auto e a rimanere ai piani più alti delle proprie case. Paura per due persone disperse, mentre era circolata la voce di una vittima, smentita dopo alcune ore dal sindaco di Carrara, Angelo Zubbani. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire per soccorrere alcune persone rimaste intrappolate su un tetto. Scuole chiuse quest’oggi, con un’emergenza che ancora non è rientrata, mentre ha ripreso da poco a circolare la linea ferroviaria Aulla-Lucca, interrotta proprio per l’esondazione del Parmignola. I disagi più gravi si registrano nel Comune di Avenza però, dove la tanta acqua piovuta ha mandato in tilt il sistema fognario. I soccorsi e molti volontari stanno tamponando con blocchi di cemento il fiume di fango creatosi e che rischia di invadere proprio Avenza e Marina di Carrara, dove negozi, case e scantinati sono già del tutto allagati.

Problemi e danni anche nell’ormai martoriata Liguria e in Piemonte. Al centro continuano i venti forti, con alberi caduti nella Capitale e in molte località nella Sardegna, mentre a Venezia si registra un ‘livello arancione’ d’innalzamento delle acque. Attenzione anche nel Parmense, dove alcuni torrenti, già esondati nel corso dello scorso fenomeno violento di ottobre, sono quasi in piena. Numerosi problemi anche per il sistema traghetti da e per Napoli.

Share

Leave a Reply