Dura lex, sed lex. Caso Sea Watch 3, la Cassazione assolve Carola Rackete. A Salvini non piacerà…

Dura lex, sed lex. Caso Sea Watch 3, la Cassazione assolve Carola Rackete. A Salvini non piacerà…

Il fatto non costituisce reato. Secondo la Terza Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione Carola Rackete ha agito adempiendo un dovere ed in piena causa di giustificazione che rende il fatto pienamente lecito. La comandante ha agito secondo le regole del mare  e nell’adempimento di un dovere che secondo  il diritto internazionale e del mare è principio consuetudinario e dunque pienamente recepito nel nostro ordinamento giuridico attraverso l’art. 10 della Costituzione che come è noto costituisce la “porta di ingresso” delle norme internazionali nel nostro sistema delle fonti del diritto. Con queste motivazioni la Cassazione  rigetta il ricorso presentato dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio escludendo entrambi i reati di resistenza a pubblico ufficiale e violenza a nave da guerra ipotizzati dalla Procura della Repubblica. Il primo reato è scriminato dall’adempimento di un dovere mentre il secondo è carente dell’elemento oggettivo in quanto non si può qualificare come nave da guerra l’unità della Guardia di finanza che dovrebbe per ritenersi tale, essere comandata da un ufficiale di Marina al servizio dello Stato ed iscritto nell’apposito ruolo degli ufficiali, il che nel caso in esame non è dimostrato. Così facendo Carola Rackete agì correttamente seguendo le disposizioni sul salvataggio in mare perché l’obbligo di prestare soccorso non si esaurisce nell’atto di sottrarre i naufraghi al pericolo di perdersi in mare ma comporta l’obbligo di sbarcarli in un luogo sicuro. La Suprema Corte chiarisce che una nave non è un luogo sicuro e che tale concetto è stato più volte violato dal Governo precedente. Le motivazioni che assolvono Rackete arrivano nel giorno in cui la Procura di Catania ha depositato al Giudice per le indagini Preliminari la richiesta di fissazione dell’udienza preliminare per il caso Gregoretti nei confronti dell’ex ministro dell’interno Matteo Salvini accusato di sequestro di persona e abuso in atti d’ufficio. A Salvini non piacerà…

Share