Fp Cgil. Presentata la piattaforma concorsipubblici.fpcgil.it. Landini: “una concreta possibilità di esercitare il diritto al lavoro”

Fp Cgil. Presentata la piattaforma concorsipubblici.fpcgil.it. Landini: “una concreta possibilità di esercitare il diritto al lavoro”

Un network dell’informazione e della formazione sul lavoro pubblico, centrato sulla nuova stagione di concorsi pubblici, per incidere sulla Pa che verrà. È concorsipubblici.fpcgil.it, la piattaforma costruita da Funzione Pubblica CGIL (in collaborazione con Fpa) presentata oggi dal segretario generale della CGIL, Maurizio Landini, e della Fp CGIL, Serena Sorrentino. Una piattaforma, spiega la Funzione Pubblica, “la più completa sul fronte informazione e formazione del lavoro pubblico, che rappresenta una vera e propria rivoluzione sindacale”. Negli ultimi dieci anni la riduzione del personale è stata di oltre 193 mila, l’età media del personale è di 51 anni. Oltre ad aggregare in maniera capillare i concorsi, il progetto della Fp CGIL offrirà per larga parte un accesso gratuito all’offerta formativa, con ad esempio: test preselettivi per esercitarsi, test di auto-valutazione per misurare il proprio livello di preparazione, video-lezioni online con saperi di base che accomunano tutti i concorsi pubblici, guide e istruzioni per partecipare ad un concorso e molto altro. Sono poi previsti dei percorsi specifici di preparazione per i singoli concorsi pubblici cui si intende partecipare, approfonditi e di qualità. Per Sorrentino concorsipubblici.fpcgil.it è “una piattaforma innovativa e sperimentale che vuole essere un’opportunità per i tanti ragazzi, e non solo, che vogliono partecipare ad un concorso pubblico. È l’idea che il nostro sindacato ti accompagna, ti informa, ti orienta, ti forma e ti aiuta a superare il concorso, accogliendoti quando entri nel posto di lavoro”.

Non solo, “questa è la base della rivendicazione che abbiamo portato avanti per un piano straordinario di occupazione nella Pa perché non basta lo sblocco del turn over al 100%. La Ragioneria generale dello Stato ci dice che al 2022 saranno oltre 600mila i lavoratori fuori dalla Pa mentre noi abbiamo bisogno di più servizi per i cittadini e più qualificazione professionale per chi entra nella Pa”. Da qui le tre rivendicazioni della categoria: “Un piano per l’occupazione, uno per l’innovazione della Pa, ovvero più qualità e più servizi per i cittadini, e il rinnovo dei contratti che, con la riforma del sistema di classificazione, diano carriera, valorizzazione professionale e dignità salariale ai lavoratori pubblici”. Per Landini la piattaforma rappresenta i lavoratori dei servizi pubblici ed “è una iniziativa molto importante, che si rivolge a tutti coloro che si candidano ad entrare nella Pa offrendo la concreta possibilità di esercitare il diritto al lavoro. Una funzione molto importante per essere riferimento per chi per vivere ha bisogno di lavorare”. Inoltre “diciamo che c’è bisogno di cambiare la Pa, innovandola e rinnovandola. Per questo lanciamo con forza una battaglia per un piano straordinario di assunzioni. Ci dobbiamo battere perché i diritti sociali siano garantiti dal lavoro pubblico e dalla qualità”.

Share