Bologna. Inserviente ferisce gravemente con 20 coltellate una donna sul Frecciarossa per motivi passionali. Ferito anche un passeggero

Bologna. Inserviente ferisce gravemente con 20 coltellate una donna sul Frecciarossa per motivi passionali. Ferito anche un passeggero

Una donna è stata accoltellata su un treno Frecciarossa poco dopo le 10.30, tra le stazioni di Reggio Emilia e Bologna. La polizia ferroviaria ha fermato il presunto aggressore, un inserviente. Si tratta di un addetto alle pulizie. La vittima è un’operatrice di una ditta esterna che effettua servizi di ristorazione a bordo treno. La donna è stata soccorsa dal 118 e portata d’urgenza in ospedale. Secondo quanto si apprende, sarebbe la ex fidanzata dell’aggressore, bloccato dalla Polfer subito dopo i fatti. Nella colluttazione è rimasto ferito anche un uomo. L’assalto, le urla, il panico: tutto si è svolto in pochi secondi. L’inserviente ha impugnato un coltello a serramanico e ha iniziato a colpire la donna, prima al collo e poi al torace. Immediata la richiesta d’aiuto al 118: appena il convoglio è arrivato nella stazione sotterranea dell’alta velocità, a Bologna, è stata portata d’urgenza in ospedale dall’ambulanza. Il Frecciarossa ha sostato nella stazione sotterranea di Bologna tra le 10.50 e le 11.50 per permettere i rilievi di rito della polizia scientifica. Poi è stato portato in una zona di servizio a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il treno è stato evacuato in via precauzionale dalle forze dell’ordine, e i passeggeri sono potuti ripartire con i mezzi successivi. La circolazione è proseguita sui binari di superficie, senza particolari disagi. Gli investigatori protendono per la pista passionale. L’ipotesi è che l’aggressore conoscesse la vittima, con la quale avrebbe avuto una relazione.

E’ ricoverata nel reparto di rianimazione dell’Ospedale Maggiore ed è in prognosi riservata la donna accoltellata. La donna, in servizio allo Chef Express, una 41enne di nazionalità italiana, è stata colpita con almeno venti coltellate da un 47enne, addetto alle pulizie delle Ferrovie dello Stato. Nell’aggressione è rimasto ferito anche un uomo, che ha tentato di frapporsi tra l’aggressore e la vittima: è stato colpito di striscio e non è grave. Anche lui è ricoverato all’Ospedale Maggiore. L’aggressore è stato fermato dalla Polizia Ferroviaria nella stazione sotterranea. La seconda persona rimasta ferita nell’aggressione avvenuta in mattinata su un treno Frecciarossa risulta essere un passeggero.

“Dussmann Service è a conoscenza dell’increscioso episodio avvenuto sul treno 9309 (Torino – Roma) di cui si è reso protagonista un suo pulitore viaggiante. L’Azienda si dissocia senza riserve dal comportamento del dipendente: tutte le pratiche necessarie al suo licenziamento immediato sono già state avviate”. E’ quanto si legge in una nota a firma del Gruppo Dussmann in merito all’aggressione subita da una donna questa mattina lungo la linea dell’alta velocità tra Reggio Emilia e Bologna. “La Società tiene a rendere noto che il dipendente non aveva precedenti per reati di tipo penale e che, prima di questo episodio, la sua condotta è sempre stata conforme ad ogni regolamento. La politica aziendale prevede continui corsi di formazione e aggiornamento, per garantire sempre rapporti ineccepibili tra personale e personale ferroviario, personale di altre Società e viaggiatori – si legge nella comunicazione dell’azienda -. Pertanto Dussmann Service condanna incondizionatamente la condotta del dipendente. Lo standard internazionale di certificazione SA 8000 garantisce l’assoluto rispetto dei principi promossi dall’azienda e ne certifica l’indefesso impegno per un’osservanza senza riserve”.

Share