Pasquino il Templare. I versetti satirici. Promesse e verità… in camicia nera

Pasquino il Templare. I versetti satirici. Promesse e verità… in camicia nera

La Signora Camicetta Nera insieme ar Signor Pieni Poteri
a San Giovanni se so’ incontrati ieri
e co’ loro c’era puro quel tal pregiudicato
che nun vo’ capi’ d’essese ormai invecchiato
E mentre continueno sempre collo stesso sound
suonato colla Banda della camerata Casa Pound
la gente ancora sente fasse promesse e grandi panzane
chè pur avendo loro governato per un tempo immane
corgono er grazie da quell’uno per cento della popolazione
che s’è arricchito alle spalle der povero cojone
che ar culo c’ha ancora le colorate pezze
mentre loro se spartischeno un quarto de tutte le ricchezze
e a pensa’ de paga’ le tasse come ogni essere normale
strepiteno inventannose che mó ariva la patrimoniale
Io vorei ‘nvece solo senti’ parla’ ma ppe’ davvero
de’ quelli che beccheno sempre meno di uno zero
pensionati, precari, lavoratori dipendenti
che spesso so’ poveri e puro incapienti
Quelli che cor fisco c’hanno poco d’accordasse
perché tutte e all’origine le pagheno le tasse
Pe’ chi nun se ne fosse ancora accorto
er principio dell’ugualianza ormai s’è bello e morto
Infatti so’ diverse nelle imposte le percentuali
quelle che a parità de reddito dovrebbero esse’ uguali
perché c’è chi paga un fottio de meno
der dipendente che scuce l’imposta cor quoziente pieno
Pe’ nun parla’ de chi tutto evade… che mó m’arrabbio
co’ quelli che giuro li sbatterebbe ar gabbio
Ma poiché é proprio de chi punta a diventa’ potente
parlare tanto senza dire niente
allora ‘ste promesse io nun me le bevo
chè co’ questi…. tornamo dritti ar Medio Evo!

Share