I versetti di Pasquino il Templare. La monnezza a Roma ovvero voce der verbo dateve ‘na mossa

I versetti di Pasquino il Templare. La monnezza a Roma ovvero voce der verbo dateve ‘na mossa

Si butto la monnezza pe’ la strada
becco la murta… bene che me vada
ma è giusto e nun me ne lamento
puro si me resta ‘n filo de tormento
Chi dovrebbe garanti’ strade pulite
senza famm’arrischia’ tifo o epatite
Chi dovrebbe garanti’ che li cassonetti
siano svotati bene e senza “animaletti”
Chi dovrebbe garanti’ che li sordi mia
vengano usati per fa’ davvero pulizia
bisogna che ce dia presto ‘na risposta
che semo stufi della facciaccia tosta
de chi come er Marchese der Grillo
s’enventa sempre un ber novo cavillo
Famo che se trovi ‘na vera soluzione
senza cambia’ sempre er Consijo d’Amministrazione
Famo che chiusa la vecchia Malagrotta
se trovi la maniera d’evita’ la bancarotta
che Roma de ‘sto schifo s’è davvero rotta
sentenno in più puzza…. d’aria corotta
Senza continua’ co’ ‘sta costosa giostra
che vede l’esportazione della monnezza nostra…
allora si volete evita’ rabbia e sommossa
su belli mia…. dateve ‘na mossa
artrimenti in tempo di intelligenza artificiale
sareste la prova della stoltezza naturale…
E allora AMA Regione Sindachessa Raggi
che si nun famo basta colla scusa delli boicottaggi
ve li portamo a casa vostra… monnezza e scarafaggi !

Share